Club di Brindisi. S.E. Mons. Caliandro apre l’anno sociale

Il 24 ottobre scorso si è aperto ufficialmente l’anno sociale 2019-2020  del Serra Club di Brindisi all’interno della meravigliosa cornice della Cattedrale di Brindisi, Chiesa dedicata a S.Giovanni Battista, ricostruita dopo il terremoto del 1743 sulle rovine di quella normanna, già sede di incoronazioni solenni, matrimoni tra sovrani, tappa di preghiera per pellegrini e crociati.

Il tema dell’incontro con i soci del Club e con i fedeli, all’interno del tema più generale del Serra Italia “La fede non è un’idea, ma un incontro. ... Continua a leggere

Club di Cascina. Apertura dell’anno sociale 2019-20

Dopo la ripresa dell’annuale attività del Serra Club di Cascina avvenuta il 17 settembre, e il successivo incontro coi sacerdoti del vicariato, si è svolta Martedi scorso la prima conferenza sul tema del corrente anno sociale: “la fede non è una idea ma un incontro”. Argomento specifico della serata, in cui ha relazionato l’ing. Vittorio Ricchiuto responsabile diocesano per la pastorale della famiglia, è stato: vivere la fede in famiglia, luogo che genera vocazioni.

Ogni considerazione possibile parte, ovviamente, dallo stabilire cosa è la fede. E l’ing. Ricchiuto ha sottolineato come la fede è prima di tutto una risposta dell’uomo a Dio. E’ Dio che fa il primo passo, che si rivela all’uomo e lo fa non soltanto attraverso un evento storico e di grazia, ovvero la sua incarnazione, ma lo fa anche attraverso la testimonianza di coloro che lo hanno incontrato. ... Continua a leggere

Newsletter dell’Ufficio Nazionale per la Pastorale delle Vocazioni

---

Cristo ci vuole vivi!

Cari fratelli e sorelle,

saluto tutti voi partecipanti a questo Convegno, che vuole favorire l’attuazione del Sinodo dei Vescovi dedicato ai giovani. Vi ringrazio per il lavoro che portate avanti nei rispettivi campi di servizio, e anche per lo sforzo di confrontarvi e condividere le esperienze. Da parte mia, vorrei indicarvi alcune linee che mi stanno particolarmente a cuore.

Leggi tutto

---
Convegno Nazionale Vocazioni

Convegno Nazionale Vocazioni

«Datevi al meglio della vita» (ChV 143) 

E’ questo il tema del prossimo Convegno Nazionale Vocazioni, che si terrà come di consueto a Roma dal 3 al 5 Gennaio 2020. Quest’anno cambia la sede: Ergife Palace Hotel, Via Aurelia 916 – 00165 Roma.  

E’ possibile iscriversi online o inviando via mail la scheda in allegato.

Leggi tutto.

---
"Scegli la vita". Accompagnare la vocazione tra vizi e virtù

“Scegli la vita”

Accompagnare la vocazione tra vizi e virtù

Tra vizi e virtù è un semplice strumento che vuole aiutare – in particolare i giovani e gli adolescenti – a coltivare il buon grano che c’è nella loro vita, per non occuparsi della zizzania (cf. Francesco, Evangelii gaudium, 24). «Formare la coscienza è il cammino di tutta la vita in cui si impara a nutrire gli stessi sentimenti di Gesù Cristo assumendo i criteri delle sue scelte e le intenzioni del suo agire (cfr Fil 2,5)». (cf. XV Assemblea Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, Documento finale, 108). Perché la vocazione è un sentiero lungo tutta la vita, che sempre si snoda tra vizi e virtù.

Disponibile su: vocazioni.store

Leggi tutto.

---

Club di Torino. 50° anniversario dalla fondazione

 

Sabato 12 ottobre, nell’Aula Magna della Facoltà di Teologia, i soci del Serra Club Torino 345 hanno celebrato la ricorrenza dei 50 anni dalla fondazione del Club con la partecipazione di numerosi rappresentanti di altre Delegazioni e del Consiglio Nazionale ed alla presenza di S.E. Cardinale Severino Poletto, che ha lodato e benedetto l’operato dell’Associazione che si impegna a promuovere nella società civile una cultura favorevole alle vocazioni, in particolare a quelle del sacerdozio e della vita consacrata.

Si sono avvicendati i saluti da parte del Presidente Angela Pollano Dario, del Cappellano Don Alberto Piola, del Governatore del Distretto Piemonte/Valle d’Aosta, dott. Paolo Rizzolio, del Presidente del Consiglio Nazionale Rag. Enrico Mori e del Decano del Club Serra Torino 345, Ing. Giovanni Chiovatero.

La celebrazione ha beneficiato degli interventi illuminati del Prof. Franco Garelli, docente di Sociologia delle Religioni presso l’Università di Torino, e del Prof. Don Ferruccio Ceragioli, Rettore del Seminario Maggiore di Torino e docente di Teologia Fondamentale presso la Facoltà Teologica di Torino.

I soci del Club e tutti i delegati dei Serra Club d’Italia, riuniti in concomitanza della 1° Assemblea dei Delegati tenutasi nella mattinata, hanno reso grazie a Dio con la celebrazione della S. Messa, presieduta dal Card. Poletto.

A seguire, è stata offerta a tutti i partecipanti una cena di gala, che si è svolta in un clima di grande cordialità ed affetto, conclusa con la cerimonia di ammissione nel Club dei nuovi soci.

Laura Mellone

SAVE THE DATE: Congresso nazionale del Serra Italia. Roma, 5-7 giugno 2020

Sono state ufficializzate le date del prossimo Congresso nazionale di Serra International Italia, che avrà luogo a Roma, dal 5 al 7 giugno 2020. Il tema del Congresso sarà “L’Uomo del III millennio si domanda ancora chi sia e cosa sia Dio per lui?”. I lavori congressuali si svolgeranno all’Hotel Ergife.

 

Discorso del papa a chiusura del Sinodo sull’Amazzonia.

Roma, 26 ottobre 2019. Papa Francesco chiude i lavori in aula del Sinodo per l’Amazzonia riassumendone i lavori in quattro dimensioni che li hanno caratterizzati: pastorale, culturale, ecologica e sociale. Invoca inoltre più “zelo apostolico” dei sacerdoti, per sostenere la pastorale nella Regione. Presto sarà riconvocata la Commissione per il diaconato femminile e spera di pubblicare “entro l’anno” l’Esortazione post sinodale.

Per saperne di più clicca qui.

1^ Assemblea dei Delegati di Club a Torino

Si è tenuta a Torino, lo scorso 12 ottobre 2019, la prima assemblea dei Delegati di Club di Serra International Italia.

Questa la novità introdotta dal Nuovo Statuto e dai Nuovi Regolamenti del Serra Italiano, che prevedono la costituzione di una Assemblea composta da un rappresentante per ogni Club incorporato, attivo e in regola con il pagamento delle quote associative. L’Assemblea si riunisce una volta all’anno in coincidenza con il Congresso Nazionale e, negli anni in cui questo non viene tenuto, in occasione di una riunione del Consiglio Nazionale, come di fatto avvenuto in questa occasione a Torino.

All’Assemblea compete, in particolare, l’elezione del Consiglio Nazionale, l’approvazione degli stati di previsione e dei rendiconti annuali, l’approvazione delle modifiche allo Statuto e al Regolamento e lo scioglimento dell’Associazione secondo le modalita? stabilite dal Regolamento.
A questa prima Assemblea, il cui ordine del giorno prevedeva l’approvazione dei rendiconti relativi all’anno sociale 2018-2019  e la nomina del Presidente Eletto, hanno partecipato Delegati in rappresentanza di 46 Club Italiani e della Svizzera Italiana. Dopo una introduzione dell’avvocato Antonio Ciacci (qui di seguito riportata) volta ad introdurre lo spirito che accompagna le novità  apportate dalle ultime modifiche apportate allo Statuto e ai Regolamenti, sono seguite ampie discussioni sfociate nell’approvazione dei rendiconti annuali e la nomina a Presidente Eletto della dottoressa Paola Poli del Club L’Aquila 444. Terminata la parte formale dell’Assemblea, i Delegati hanno avuto l’occasione di partecipare a una costruttiva condivisione di altre tematiche attuali e importanti per il futuro della associazione.

Distretto 73. Primo incontro del consiglio distrettuale di Puglia e Basilicata

Sabato 26 ottobre si è tenuto il primo incontro del consiglio distrettuale di Puglia e Basilicata presso il Seminario Pontificio Regionale ‘Pio XI’ di Molfetta , accolto dal Rettore Don Gianni Caliandro.
La governatrice del Distretto n.73, Filly Franchino, ha dato il via ai lavori presentando il presidente di Serra Internazional Enrico Mori, in visita al Distretto.
Il tema affrontato, durante l’incontro, è stato:  ‘La fede non è un’idea ma un incontro’; ne ha parlato il Direttore Regionale alle Vocazioni Don Quintino Venneri. Nonostante possa sembrare il contrario , viviamo un momento molto importante per la fede cristiana, soprattutto nei paesi industrializzati. Molte persone cercano Dio, e lo cercano sul serio, al di là di statistiche preoccupanti e più o meno attendibili. Ci sono persone che cercano di vivere un rapporto personale con Gesù giocandosi la vita su di lui  e  sulla sua parola, ma questo è possibile soltanto se lo si scopre  come una persona viva e presente nella propria esistenza.
La fede è un incontro , è adesione dell’intelligenza e dell’affettivita’  al mistero di Gesù Cristo  e si esprime nel nostro modo di comportarci , non è etica né liturgia, ma è necessario che si manifesti in espressioni storiche e liturgiche.
Come diceva Sant’Ignazio vescovo di Antiochia, il Cristianesimo non è un ‘opera di persuasione ma di grandezza che non esclude la presenza del dubbio , dell’incertezza. Anche Santa Teresa di Lisseaux , apparentemente ingenua, viene descritta nell’ “Introduzione al Cristianesimo ” di Papa Ratzinger  ‘ carica dei pensieri più perversi e materialisti’.
Dopo l’esposizione  delle iniziative da parte dei Vice presidenti e Presidenti dei club, la presentazione della Fondazione ‘Beato Juniperp Serra’  e la presentazione del Concorso ‘Penna dello Spirito’,  il consiglio si é riunito in un’agape fraterna insieme ai giovani seminaristi .

Per una globalizzazione solidale e rispettosa dei popoli

Prima dell’Angelus di domenica 20 ottobre Papa Francesco ha spiegato il senso profondo del suo Pontificato e le motivazioni che hanno portato alla convocazione del Sinodo sull’Amazzonia. Ha detto il Papa: “In questo nostro tempo, segnato da una globalizzazione che dovrebbe essere solidale e rispettosa della particolarità dei popoli, e invece soffre ancora della omologazione e dei vecchi conflitti di potere che alimentano guerre e rovinano il pianeta, i credenti sono chiamati a portare ovunque, con nuovo slancio, la buona notizia che in Gesù la misericordia vince il peccato, la speranza vince la paura, la fraternità vince l’ostilità”. In occasione della celebrazione dalla “Giornata Missionaria Mondiale”, il Pontefice ha auspicato che “ogni battezzato prenda più viva coscienza della necessità di cooperare all’annuncio della Parola, all’annuncio del Regno di Dio mediante un impegno rinnovato”. Per illustrare le caratteristiche di un autentico impegno missionario, il Santo Padre ha riproposto la Lettera apostolica “Maximum Illud” di Papa Benedetto XV (30 novembre 1919). Ha ricordato il Papa: “Egli (Benedetto XV, ndr) avvertì la necessità di riqualificare evangelicamente la missione nel mondo, perché fosse purificata da qualsiasi incrostazione coloniale e libera dai condizionamenti delle politiche espansionistiche delle Nazioni europee”. Queste parole assumono un significato forte e preciso, se si tiene conto che il Sinodo sull’Amazzonia sta discutendo proprio su come liberare il mondo – ed anche la Chiesa – dalle incrostazioni (tuttora presenti) delle ideologie colonialiste e neocolonialiste. “Il messaggio di Benedetto XV – ha sottolineato il Pontefice – è ancora attuale e stimola a superare la tentazione di ogni chiusura autoreferenziale e ogni forma di pessimismo pastorale, per aprirci alla novità gioiosa del Vangelo”. “Cristo – ha affermato – è la nostra pace e in Lui ogni divisione è superata, in Lui solo c’è la salvezza di ogni uomo e di ogni popolo”.
Dopo aver invitato i fedeli a “pregare sempre, senza stancarsi mai”, il Vescovo di Roma ha spiegato che la preghiera è il primo sostegno del popolo di Dio per i missionari. Esprimiamo per essi – ha aggiunto – una “preghiera ricca di affetto e di gratitudine per il loro difficile compito di annunciare e donare la luce e la grazia del Vangelo a coloro che ancora non l’hanno ricevuta”. Il Papa ha concluso invocando Maria, Madre di tutte le genti, affinché “accompagni e protegga ogni giorno i missionari del Vangelo”.

(Antonio Gaspari, www.orbisphera.org)

 

Club di Matera. Apertura dell’anno sociale

Si è inaugurato giovedì 17 ottobre a Matera l’anno sociale 2019-2020 del Serra Club Distretto 73 di Puglia e Basilicata con la celebrazione della Santa Messa da parte di sua Eccellenza l’arcivescovo Pino Caiazzo.
Non potevano esserci parole più attinenti, tratte dal Vangelo secondo Luca,  a quello che è il servizio che il Serra Club si propone di rendere alla comunità, ovvero il sostegno e la preghiera alle vocazioni sacerdotali: La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai.
Alla Santa Messa è seguita l’Adorazione del Santissimo e, infine, un momento conviviale,  in cui il nuovo presidente del Serra Club di Matera , il professor Salvatore Milanese, ha  reso note le nuove cariche all’interno del Club  e ha dato indicazioni sul programma che si svolgerà durante il nuovo anno sociale tenendo presente che la fede è sempre un punto di partenza per un lungo cammino .