Le giornate mondiali della Chiesa

 

Le Giornate Mondiali sono ricorrenze che si celebrano annualmente su scala internazionale per la sensibilizzazione di temi o argomenti di particolare interesse. Sono normalmente promosse dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (ONU) oppure dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO). A queste si aggiungono quelle proclamate dalla Chiesa Cattolica a seguito di istituzione del Sommo Pontefice.

Di seguito, in breve sintesi, le Giornate Mondiali della Chiesa e sui motivi dell’istituzione.

Giornata Mondiale della Pace. Istituita da Papa Paolo VI l’8 dicembre 1967, fu celebrata per la prima volta il 1 gennaio 1968, giorno dedicato dalla Chiesa alla solennità di Maria Santissima, Madre di Dio, “come augurio e come promessa, all’inizio del calendario che misura e descrive il cammino della vita umana nel tempo, che sia la pace, con il suo giusto e benefico equilibrio, a dominare lo svolgimento della storia avvenire”. Indica poi che la pace vera, la pace giusta ed equilibrata suppone il riconoscimento sincero dei diritti della persona umana e dell’indipendenza delle singole Nazioni. Da rinnovare ogni anno alla stessa data del 1 gennaio.

Giornata Mondiale dell’Infanzia Missionaria. Istituita da Papa Pio XII il 4 dicembre 1950, fu celebrata per la prima volta il 6 gennaio 1951, giorno liturgico dell’Epifania, come giornata di preghiera e di raccolta fondi a sostegno dell’infanzia nel mondo. Occasione speciale, inoltre, per aiutare i ragazzi a scoprire il particolare aspetto dell’identità missionaria e a viverlo in prima persona come veri e propri annunciatori del Vangelo. Da rinnovare ogni anno alla stessa data del 6 gennaio.

Giornata della Vita Consacrata. Istituita da Papa Giovanni Paolo II il 6 gennaio 1997, fu celebrata per la prima volta il 2 febbraio  1997, giorno liturgico della presentazione di Gesù al Tempio, con il triplice scopo di rispondere all’intimo bisogno di lodare più solennemente il Signore e ringraziarlo per il grande dono della vita consacrata, di promuovere la conoscenza e la stima per la vita consacrata da parte dell’intero popolo di Dio, di prendere viva conoscenza della consapevolezza dell’insostituibile missione dei consacrati nella Chiesa e nel mondo. Da rinnovare ogni anno alla stessa data del 2 febbraio.

Giornata Mondiale del Malato. Istituita da Papa Giovanni Paolo II il 13 maggio 1992, fu celebrata per la prima volta l’11 febbraio 1993, giorno  liturgico della Madonna di Lourdes, come momento di riflessione sulle tematiche legate alla salute e alla cura. Giornata speciale di preghiera e di condivisione da dedicare a quanti soffrono nella malattia, di sensibilizzazione e solidarietà nei confronti degli operatori sanitari che li assistono, di sostegno ai familiari e a quanti condividono la sofferenza. Da rinnovare ogni anno alla stessa data dell’11 febbraio.

Giornata Mondiale della Gioventù. Istituita da Papa Giovanni Paolo II nel 1985 in occasione della celebrazione dell’Anno Santo della Redenzione, fu celebrata per la prima volta a Roma il 23 marzo 1986. Ha lo scopo di manifestare l’attenzione della Chiesa verso le nuove generazioni per ritrovarsi insieme, condividere le loro esperienze, ascoltare una parola di fede, guardare a un futuro migliore e confermare il loro impegno spirituale e culturale al servizio della Chiesa stessa. Da rinnovare, a carattere biennale o triennale, nella Domenica delle Palme, settimana precedente la Pasqua.

Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni. Istituita da Papa Paolo VI il 23 gennaio 1964, fu celebrata per la prima volta il 12 aprile 1964 con lo scopo di risvegliare nel popolo di Dio l’importanza di pregare per il dono delle vocazioni al sacerdozio e alla vita consacrata perché “ove numerose sbocciano le vocazioni allo stato ecclesiastico e religioso, là si vive generosamente secondo il Vangelo”. Occasione di riflessione affinché la Chiesa si unisca per invocare il Padre a suscitare nei giovani il desiderio di vivere al servizio del Signore. Da rinnovare ogni anno la IV domenica di Pasqua, nota come “domenica del Buon Pastore”.

Giornata Mondiale per le Comunicazioni Sociali. Istituita con decreto conciliare nel 1963, al fine di rendere più efficace il multiforme apostolato della Chiesa nel settore delle comunicazioni, fu celebrata per la prima volta da Papa Paolo VI il 7 maggio 1967. Occasione per avere non soltanto una stampa cattolica, ma per attuare una presenza della Chiesa nella grande informazione affinché “con l’aiuto di Dio e della Vergine Santissima, possano essere conseguiti quei frutti che la Giornata si ripromette”. Da rinnovare ogni anno la domenica che precede la Pentecoste.

Giornata Mondiale di Santificazione Sacerdotale. Istituita da Papa Giovanni Paolo II 25 marzo 1995 fu celebrata per la prima volta nel giorno della festività del Sacro Cuore. Una correlazione con la quale s’intende richiamare i presbiteri alla riscoperta del dono ricevuto e della gioia della missione loro affidata e per ricordare agli uomini di Dio di coltivare nel proprio cuore “un grande anelito di santità” per percorrere le vie di chi si è fatto simile a Cristo perché “allora il nostro sacerdozio sarà fecondo e salvifico in ogni sua dimensione”. Da rinnovare ogni anno il terzo venerdì dopo la Pentecoste.

Giornata Mondiale di Preghiera per la Cura del Creato. Istituita da Papa Francesco nel 2015 quando divulgò l’Enciclica “Laudato Sì”, fu celebrata la prima volta il 1 settembre 2015 con le finalità di riflettere sulla casa comune, rispettare il creato perché volere di Dio, porre riparo ai danni creati al pianeta. Occasione per meditare su quanto il pianeta sia in pericolo e su quanto le disuguaglianze sociali siano aumentate a causa dello sfruttamento indiscriminato delle risorse, che hanno causato alterazioni degli ecosistemi e sacche di povertà in tante parti del mondo. Da rinnovare ogni anno alla stessa data del 1 settembre.

Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato. Istituita da Papa Benedetto XV il 6 dicembre 1914 in segno di sollecitudine pastorale nei confronti di tantissimi profughi che cercavano scampo dalla devastazione della grande Guerra, fu celebrata la prima volta in concomitanza con la prima domenica di Quaresima 2015. Occasione per la Chiesa di dimostrare la preoccupazione per le diverse categorie di persone vulnerabili in movimento, pregare per il superamento dei pericoli ai quali vanno incontro, aumentare la consapevolezza sulle opportunità offerte dalle migrazioni. Da rinnovare ogni anno nell’ultima domenica di settembre.

Giornata Mondiale Missionaria. Istituita da Papa Pio XI nel 1926 come giornata di preghiera e di propaganda missionaria nel mondo per richiamare l’attenzione sui numerosi bisogni della Chiesa, fu celebrata la prima volta il 17 ottobre 1926. Occasione per la costituzione di un “fondo di solidarietà”, da ripartire tra le cosiddette “Chiese di missione” secondo le necessità di ognuna. Organizzazione e cura del “fondo di solidarietà” affidate alle Pontificie Opere Missionarie al fine di assicurare che tutte le Comunità, anche le più piccole, possano ricevere gli aiuti di cui hanno bisogno. Da rinnovare ogni anno nella penultima domenica di ottobre.

Giornata Mondiale dei Poveri. Istituita da Papa Francesco il 13 giugno 2017, al termine del Giubileo della Misericordia, con la Lettera Apostolica “Misericordia et misera” fu celebrata per la prima volta il 19 novembre 2017. Invito alla Chiesa e agli uomini e donne di buona volontà a tenere fisso lo sguardo su quanti tendono la mano gridando aiuto e chiedendo solidarietà. Appello a non restare indifferenti a fronte del dolore, dell’emarginazione, del sopruso, della violenza e di quanti sono privati della dignità perché i poveri sono “una risorsa a cui attingere e vivere l’essenza del Vangelo”. Da rinnovare ogni anno nella XXXIII domenica del tempo ordinario.

Giornata Mondiale delle Claustrali. Istituita da Papa Pio XII nel 1953 e dedicata a tutte le comunità claustrali per far conoscere la vera essenza della vita di clausura e contemplativa, fu celebrata per la prima volta il 21 novembre 1953, festività della Presentazione della Beata Vergine Maria. Momento di preghiera e di condivisione per quante, sull’esempio di Maria, Madre di Dio, si dedicano alla vita contemplativa attraverso l’obbedienza, la castità e la povertà. Da rinnovare ogni anno alla stessa data del 21 novembre.

 

Cosimo Lasorsa

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *