Articoli

Passaggio del Martelletto Club Serra L’Aquila

I soci del Club Serra di L’Aquila si sono riuniti mercoledì 15 giugno presso il ristorante “Lo Scalco dell’ Aquila” per l’assemblea ordinaria e per la cerimonia del “Passaggio del martelletto”. La Presidente Rita Leonardi ha introdotto l’assemblea e ha parlato delle esperienze, piccole e grandi, vissute insieme nei sei anni di presidenza e che hanno portato il club a crescere e a diventare un gruppo coeso e brillante, soffermandosi sull’ultimo anno .Proposto e votato il Direttivo che affiancherà il Presidente
per l’anno sociale 2022/2023.

Il Presidente eletto , Dottor Walter Capezzali, ha poi delineato a grandi linee quale sarà il programma per il nuovo anno sociale. Per il nostro club la nomina a presidente del Dottor. Capezzali è molto importante in quanto è una persona di alto livello culturale :è stato già presidente del club negli anni 93/94 e 94/95,ha ricoperto la carica di direttore della rivista “Il Serrano” per ben 16 anni, di direttore della Biblioteca Provinciale dell’Aquila e della Biblioteca della Università de Sacro Cuore di Roma e di presidente della Deputazione di storia patria degli Abruzzi.

Alla conviviale hanno partecipato S.E. Cardinale Giuseppe Petrocchi, la Presidente Nazionale Paola Poli ,il nostro Cappellano Don Carmelo Le Rose e diversi Presidenti dei Club
Service cittadini. Il momento più emozionante della serata è stata la cerimonia del “Passaggio del Martelletto” che sancisce il passaggio del timone alla guida del Club . La Presidente Paola Poli ha poi espresso parole di stima e di affetto nei confronti della Presidente e l’ha ringraziata per il grande impegno e determinazione che l’ha caratterizzata nel portare a termine quanto si era prefissato.

La Dottoressa Poli ha poi informato il Cardinale sulle attività e sulle iniziative che sta promuovendo il Consiglio Nazionale . Ha anche messo in evidenza l’importanza, per noi serrani e  per L’Aquila , della venuta di S.S.Papa Francesco per l’apertura della Porta Santa e dell’Angelus che sarà trasmesso in mondovisione

Paola Giamberardini

 

 

PROGRESSO SCIENTIFICO E PROMOZIONE UMANA: ESISTE UN UMANESIMO SCIENTIFICO ?        

Questo è il titolo della Conferenza, che il Serra Club di l’Aquila ha organizzato il giorno 29 aprile alle ore 18:00 presso l’aula magna “Alessandro Clementi” del Dipartimento di Scienze Umane dell’Università di L’Aquila, tenuta da Don GIUSEPPE TANZELLA NITTI, astronomo e professore ordinario di Teologia Fondamentale alla PONTIFICIA UNIVERSITA’ della Santa Croce di Roma. L’argomento di assoluta attualità è stato affidato ad un relatore di alto profilo, autore di innumerevoli volumi e articoli sul rapporto tra Scienza e Fede.

Don Giuseppe Tanzella Nitti dirige il Centro di Documentazione Interdisciplinare di scienze e fede e la Scuola Internazionale Superiore per la ricerca interdisciplinare. Attualmente lavora ad una Teologia della Rivelazione in contesto scientifico e filosofico. La conferenza è stata introdotta dalla presidente del Serra Club di L ‘Aquila,  RITA LEONARDI,  che ha  ringraziato il prof .Tanzella per la sua preziosa presenza e per la sua disponibilità a trattare questo tema così importante ed attuale. Sono intervenuti anche il Governatore del Distretto 72 Serra Italia MARCELLO BONOTTO e la Presidente Nazionale di Serra Italia PAOLA POLI.

Il Professor Tanzella per spiegare il rapporto tra fede e ragione, tra tecnologia e filosofia , ha articolato il suo intervento  in tre momenti : 1)Alla  ricerca della vera immagine della scienza .2) Il ruolo della scienza e del  progresso scientifico nel piano di Dio sulla creazione .3) Le condizioni che trasformano il progresso scientifico  in promozione umana .Secondo Don Tanzella la ricerca scientifica nasce da motivazioni filosofiche ,dalla ricerca della verità e dal desiderio  di conoscere il reale .Il compito di umanizzare la terra è affidato all’uomo e alla donna e con il lavoro l’essere umano coopera ad una creazione in ”status via” e la conduce verso il suo compimento .Il progresso scientifico e tecnologico possiede potenzialità che derivano dal suo ruolo nei piani di Dio.

L’evento, già pubblicizzato dalla stampa locale nei giorni precedenti, ha avuto notevole risonanza e la Conferenza è stata seguita da una platea numerosa ed attenta che ha manifestato vivo interesse e partecipazione, coinvolta dalla capacità oratoria del prof. Tanzella che ha reso fruibile a tutti un tema cosi dibattuto.

Club di L’Aquila. Successo del Concorso Scolastico

Il  6 giugno alle ore 17 presso  la Sala “Sacra Famiglia di Nazareth” in piazza San Pio X  si è svolta la Cerimonia di Premiazione della fase provinciale del Concorso  Scolastico Nazionale  bandito dal SRA INTERNAZIONAL  ITALIA  sul tema “ Prendersi cura di se stessi e degli altri per un mondo migliore”.

Il concorso ,giunto alla XVII edizione , ha raccolto una grande partecipazione da parte delle scuole di L’Aquila e,come ha detto la Presidente del Serra Club Rita Leonardi, malgrado i problemi legati alla D.a D.,più di 250 ragazzi si sono cimentati con il tema proposto ,sollecitati dal sottotitolo dell’argomento “Perché sei un essere speciale. Ed io avrò cura di te” da “La Cura “ del compositore Franco Battiato.

Gli elaborati prodotti  sono stati di vario genere: tema, racconto breve, disegno, opere artistiche, componimento musicale e prodotti multimediali.

Per il PRIMO PREMIO sono risultati vincitori :Gli alunni della Classe III A  Scuola Primaria di Pile –Istituto Comprensivo “G. Mazzini” di L’Aquila.

L’alunno Alessandro  Miconi della Classe III B della Scuola Secondaria di 1° grado “G. Mazzini”

Gli alunni Melissa Frezzini, Carmen D’Antonio, Alessio Di Marco, Stefano Ferri della Classe IV A dell’Istituto Professionale –Agricoltura  del I.I.S. Da Vinci-Colecchi.

Per SECONDO PREMIO:La Classe V B Scuola Primaria San Francesco –Istituto Comprensivo “D. Alighieri” di L’Aquila.

L’alunna Claudia Gallucci della Classe II D  Scuola Secondaria di 1° grado “D. Alighieri”

L’Alunna Marta Desiati della Classe IIIA Liceo Classico “D. Cotugno

Sono stati insigniti di “MENZIONE SPECIALE”: L’alunna Emilj Valvona  Classe 1° B Scuola Secondaria  1° Grado di San Demetrio

L’alunna M. Grazia Valloni Classe IIIA Liceo  Classico  “D. Cotugno”

Gli alunni Irene Di Giovanni, Samuele Manetta, Andrea Petricola, Anna Maddaloni, Valentina Giampaoli Classe IIIC Informatica I.T.I.S.

L’alunno Daniele Tronca IVA Liceo Musicale Coreutico “D. Cotugno”.

La Presidente Nazionale  Serra Italia PAOLA POLI ha consegnato il Terzo Premio conferito dalla Commissione Nazionale  a due insegnanti presenti  in rappresentanza degli alunni  della Classe IIIA  della Scuola di Pile assenti alla Premiazione Nazionale  in segno di lutto  per il drammatico evento verificatosi nella Scuola dell’Infanzia “1° Maggio” facente parte dello stesso Istituto Comprensivo “G.Mazzini”

L’esibizione della “MUSIC TOGETHER  BAND” composta da 19 alunni  del Liceo Musicale e Coreutico “D. Cotugno” diretti dal Prof. Piero Angelo Castellani ha  emozionato entusiasmato il numeroso pubblico  con brani molto conosciuti. Molto applaudito l’assolo  con il sassofono di Daniele Tronca diretto dal Prof. Giovanni Luca Ciavatta.

Club di L’Aquila: scienza e …

Altri due incontri sono stati organizzati nei mesi di Marzo e Aprile dal Club Serra L’Aquila e presentati dalla Presidente Rita Leonardi presso la sala del Centro Servizi del Volontariato. Il primo, in collaborazione con la Galleria d’arte De Smi, dal titolo “Scienza e Medicina Nell’Arte – Iconodiagnostica“, è stato condotto dal Professore Michele De Simone, endocrinologo, esperto di Arte ed Artista affermato.

Il Professor Michele De Simone ha centrato il suo intervento sul rapporto inscindibile tra arte e scienza ed ha messo in evidenza l’origine evolutiva del senso estetico. Ha poi delineato il legame tra Arte e Medicina nell’800 e l’importanza della cura medica attraverso l’aiuto dell’arte.  Le diverse patologie dei soggetti evidenziate nei dipinti fungono da immagine per la diagnosi (da qui il termine di Iconodiagnostica) fornendo anche la possibilità di disamina per alcune patologie mentali.

Nell’incontro tenuto dal nostro socio, il Dottor Franco Papola ,direttore del Centro regionale di immunoematologia e tipizzazione tissutale, dell’’Ospedale di L’Aquila, ha incentrato il suo intervento sulla storia della Sindone attraverso i secoli e si è soffermato sulla importanza del cosiddetto “Mandjlion di Edessa “ perché si è ipotizzato che tale telo fosse la Sindone ripiegata in larghezza tre volte per mostrare solo il volto attraverso un reliquiario. Attraverso varie immagini il Dottor Papola ha sostenuto la veridicità del telo cucito a mano a trama di pesce e color giallo-ocra di manifattura orientale  come orientali sono i pollini rinvenuti sul lenzuolo. Ha concluso la sua relazione mettendo in evidenza le ipotesi che contraddicono il falso medioevale. L’immagine corporea della Sindone è un “falso negativo” ,i chiodi sono infissi nei polsi ,l’immagine della gamba sinistra è più corta della destra,sul lato destro  della cassa toracica c’è una macchia di sangue e siero,le macchie di sangue sono nette e incompatibile con un’opera d’arte, l’immagine corporea contiene informazioni tridimensionali ed è estremamente superficiale. Entrambi gli incontri sono stati condivisi da un pubblico attento e interessato.

 

Paola Giamberardini

Club di L’Aquila. Una Lauda di Celestino e il pianto senza tempo di Maria.

Mercoledì 15 settembre 2021 alle ore 18,30 presso la Chiesa del Suffragio in p.za Duomo, il Serra Club di L’Aquila, ha organizzato un incontro sul tema “Una Lauda di Celestino e il pianto senza tempo di Maria“, in occasione della ricorrenza liturgica della Beata Maria Vergine Addolorata.

La Chiesa, popolarmente detta “delle Anime Sante“ è stata edificata successivamente al terremoto del 1703 a ricordo delle vittime, e rappresenta la massima espressione dell’architettura barocca aquilana del XVIII secolo.

All’interno della chiesa è stata realizzata, dopo il terremoto del 2009, la Cappella della memoria a ricordo delle 309 vittime.

Dopo il saluto della Segretaria Generale della Consulta Diocesana delle Aggregazioni laicali, Assunta Graziosi, e l’intervento di Don Alessandro Benzi, la Presidente Nazionale Paola Poli, ha introdotto il tema mettendo in evidenza l’importanza del Codice di Papa Celestino V, da cui è tratta la “Lamentatio Beate Marie de Filio“.... Continua a leggere

Club di L’Aquila. Assemblea dei soci e conviviale in onore della Presidente Nazionale

Mercoledì 30.06.2021, presso l’elegante cornice dei Ristorante “Lo Scalco dell’Aquila” ,  si è svolta l’Assemblea, finalmente in presenza e molto partecipata, del Serra Club di L’Aquila a conclusione di un anno sociale particolarmente difficile e sofferto, fatto di incontri di formazione e rare riunioni sempre e solo  in modalità online.

L’Assemblea dei soci ha adempiuto a tutti gli atti ufficiali che hanno decretato l’inizio del nuovo anno sociale, esprimendo il nuovo direttivo, riconfermando l’attuale Presidente Rita Leonardi ed investendo il socio Walter Capezzali, figura storica del nostro Club, quale Presidente eletto.

Al termine dell’Assemblea, la neo eletta Presidente Nazionale di Serra International Italia, Paola Poli, espressione del Club di L’Aquila, ha voluto ringraziare tutti i soci per l’attiva e calorosa partecipazione. Ha augurato ai nuovi soci un proficuo lavoro sottolineando che, seppur la sua azione per i prossimi due anni sarà rivolta alla realtà nazionale, il suo cuore avrà sempre uno sguardo privilegiato per il club aquilano.

All’Assemblea, momento istituzionale della nostra Associazione, ha fatto seguito la Conviviale, come occasione di festa, per rendere omaggio alla Presidente Nazionale, orgoglio del Club aquilano, che ha voluto esprimerle la soddisfazione, la vicinanza ed i migliori auguri per il prestigioso incarico e l’alto impegno di responsabilità in seno al Serra Nazionale.

La presenza di Sua Eminenza, il Cardinale Giuseppe Petrocchi, e del nostro Cappellano Don Carmelo Pagano Le Rose, graditissimi ospiti del Club, ha reso ancora più intenso ed emozionante anche l’ingresso dei cinque nuovi Soci: Rosanna D’Onofrio, Paola Giamberardini, Silvana Mazzocco, Maria Paola Rossi e Alfonso Raffaele, affermati esponenti della società aquilana, che hanno con entusiasmo accolto gli ideali Serrani, condividendone lo spirito di servizio.

A loro, la Presidente Poli, ha consegnato il Distintivo e, a tutti, il Cardinale Petrocchi dopo un brindisi augurale, ha rivolto un saluto particolare, il grazie della Diocesi per l’opera meritoria del Club e l’invito a perseverare negli scopi del Serra come parte attiva della Chiesa Universale.

La gioia dello stare insieme, del poter conversare dopo mesi di distanziamento e di angoscia, ha fatto sì che il suono della campana venisse bellamente ignorato per qualche tempo ancora.

Una splendida serata che rimarrà nei cuori dei Soci serrani per il piacere di una ritrovata “ normalità” e di una sempre più viva familiarità.

Cammà – Renzetti

Club dell’Aquila. Premiazione del Concorso Scolastico 2019-20 fase al tempo del Covid-19

Nel Febbraio 2020, con l’entusiasmo che ha sempre caratterizzato l’adesione del Club 444 di L’Aquila al Concorso Scolastico Nazionale, al termine dei lavori della Commissione incaricata, sono stati spediti alla Segreteria Nazionale di Serra Italia, gli elaborati prescelti fra la copiosa e diversificata quantità di lavori, prodotta dai circa 90 alunni delle Scuole partecipanti sul tema “La Fede è… come se vedessimo l’invisibile”.

Negli intenti del Club, la premiazione della Fase provinciale del Concorso avrebbe avuto luogo, come da prassi, entro la prima decade di Maggio ed in tal senso erano state informate le Scuole. L’insorgere della pandemia e tutto ciò che ne è derivato, ivi compresa la sospensione delle lezioni fino alla fine dell’anno scolastico, ci ha costretti ad informare gli interessati, che la premiazione avrebbe avuto luogo alla ripresa del nuovo anno scolastico, dal momento che ci cullavamo nella speranza che il periodo peggiore fosse ormai alle spalle.

Quando ad Ottobre ci siamo resi conto, nostro malgrado, che il problema Covid-19 lungi dall’essere superato, ci presentava ancor più foschi scenari e l’assoluta incertezza di una fine a breve, abbiamo deciso di procedere alla Premiazione, per testimoniare concretamente a quegli alunni, che tra tante difficoltà, ristrettezze, dubbi e polemiche avevano ripreso a frequentare la Scuola, la nostra vicinanza e il rispetto dell’impegno preso nei loro confronti.

Con uno sguardo attento alle disposizioni dei vari DPCM, e l’osservanza assoluta di tutte le norme di sicurezza, riducendo all’essenziale la presenza dei partecipanti e sacrificando ciò che, nelle precedenti edizioni, aveva reso l’evento una festa per tutti da ricordare, abbiamo premiato i primi classificati per ordine di Scuola, così come di seguito.

“A piccoli passi” è il titolo dato al lavoro della Classe V B – Scuola Primaria G. Rodari di L’Aquila, già distintasi anche nelle passate edizioni. Nella mappa, realizzata con cartelloni “a soffietto ” i termini di Fede e impegno, si materializzano nella volontà di rinascita che i piccoli alunni (nati nell’anno del terremoto 2009), a piccoli passi, tracciano con la tecnica dell’acquerello.

Per la Scuola Secondaria di 1° grado, è di Aurora Dinisi della Classe I A della Scuola D. Alighieri di L’Aquila, l’originale metafora che trasforma il “Gioco dell’oca“ (conosciuto da tutti i bambini) nel “Gioco della Fede “. Nel cartellone, un minuzioso lavoro di grafica si alterna a pensieri e riflessioni, per tracciare il cammino difficile e ad ostacoli della Fede.

Per la Scuola Secondaria di 2° grado, l’alunna Federica Pianezza della Classe III A dell’ ITIS A. D’Aosta di L’Aquila, ha composto un testo poetico articolato e complesso, recitato su un dolce sottofondo musicale.

La gioia e l’emozione dei ragazzi premiati (era stato previsto ed è stato quindi corrisposto un secondo premio per i secondi qualificati) malgrado il distanziamento, le mascherine, la proibizione di un abbraccio e il tempo minimo di incontro, sono stati forse ancor più gratificanti per il nostro Club, presente solo con Rita Leonardi Presidente del Club, Teresa Gentile Governatrice Eletta del Distretto 72, e Paola Poli Presidente Nazionale Eletta, perché se è vero, che la pandemia ci ha allontanati, è ancor più vivo e sentito il desiderio di continuare sempre e comunque nel nostro cammino e nel nostro impegno di Serrani al fianco delle giovani generazioni.

Marilena Cammà – Giovanna Renzetti

Club dell’Aquila. Essere serrani: storia, finalità, prospettive

E’ stato l’ultimo incontro prima dell’emergenza per il coronavirus, quello che ha visto riunito martedì 3 Marzo, il Club di L’Aquila, nella suggestiva atmosfera del Convento di San Giuliano dei Frati Minori Francescani, fortemente voluto dalla Presidente Rita Leonardi come momento di Informazione – Formazione per i nuovi Soci e tutti coloro che, di recente, si sono avvicinati per conoscere il nostro Club ed il movimento Serrano in generale.
Accolti da Padre Marco Federici, abbiamo potuto godere di una visita guidata all’interno di una struttura che ospita tesori artistici di grande valore e conserva intatto il primario  “ Conventino “, risalente al 1400.
Ad un breve momento di raccoglimento hanno fatto seguito gli interventi. La Presidente ha ricordato la figura del Santo ispiratore e, di Serra International, ha illustrato la struttura, gli scopi, gli intenti, le difficoltà, i bisogni correlati alle esigenze e carenze del territorio e, di contro, la concretezza dell’impegno serrano e la formazione come necessaria per testimoniare con coerenza la Fede cristiana; Formazione, nel nostro caso, affidata alla competenza teologica dell’Assistente Spirituale del Club, Don Carmelo Pagano Le Rose.
Il Socio fondatore, Giovanni Santucci, attuale G.H. di Sua Santità ha ripercorso le tappe dalla nascita del Club (Charter del 1976 ), cui dette impulso l’allora Arcivescovo dell’Aquila  Carlo Martini, che ne celebrò l’inaugurazione con il Cardinale P, Palazzini.
Il susseguirsi di Presidenze prestigiose, da parte di uomini di grande cultura ed impegno cattolico, è ampiamente documentato da una ricostruzione personale di articoli dattiloscritti, che Giovanni Santucci ha voluto donare alla Presidente per il Club.
I ventisei anni che vanno dal 1986 al 2002, sono stati ricostruiti da Walter Capezzali, Serrano doc che, con la sua grande professionalità in ambito giornalistico e storico ha dato un contributo importante non solo al Club locale ma al Serra Nazionale ed Internazionale; Venne infatti a lui affidata la direzione, per ben 16 anni, del periodico nazionale “ Il Serrano “, che lo vide impegnato come editorialista e direttore.
La risonanza di personalità ed attività di grande rilievo, fece sì che si alternassero nei Convegni aquilani, personaggi come Sergio Mattarella, attuale Presidente della Repubblica e Oscar Luigi Scalfaro.
Il Primo Congresso Nazionale del Serra, che si tenne a L’Aquila in coincidenza con il sesto centenario della nascita del nostro Co-Patrono, San Bernardino da Siena, fu organizzato dal quarto Presidente aquilano Dott. Luigi Antenucci.
Sotto la sua presidenza nel 1980, furono ammesse come “Socie aggregate “, per la prima volta in un club esclusivamente maschile, le donne.
Il Club di L’Aquila fu il primo, fra i Club Service, a superare la differenza di genere.
Per concludere, il Dott. Capezzali, ha omaggiato i presenti con la raccolta, graditissima, degli “ Editoriali “ dei suoi ventisei anni di attività serrana.
Le integrazioni all’aspetto formativo e le conclusioni sono state affidate alla competenza di Paola Poli, Presidente Nazionale Eletta che ha proposto, in maniera articolata ed esaustiva,  le linee di un discorso più ampio sulla struttura e l’organizzazione del Serra Nazionale, evidenziandone l’impegno reale per la diffusione della cultura cattolica, la cura nel tracciare le linee guida generali e la scelta delle tematiche annuali, la vicinanza alle problematiche dei singoli Club pur nel rispetto delle autonomie locali.
La Dott. Poli, ha poi ribadito la necessità della vicinanza ai sacerdoti ed ai consacrati in genere, come servizio, ed ha concluso, sottolineando la necessità della continuità tra passato e presente in una prospettiva di crescita, perché la nostra storia parte da basi solide fatte di passioni consolidate, di determinazione e di coraggio, che vanno  ben  al di là di inutili protagonismi.
Una semplice ma partecipata conviviale ha concluso la serata.
Marilena Cammà

Club dell’Aquila. La voce di un seminarista al Convegno sul Sinodo sui giovani e la fede

Pubblichiamo qui di seguito l’intervento di Luca Capannolo, semininarista dell’Arcidiocesi dell’Aquila, presso il Seminario Regionale Pontificio S. Pio X di Chieti, in occasione del recente incontro organizzato dal Serra Club dell’Aquila su “Il Sinodo, i Giovani e la Fede”.

Il presente testo vuole proporsi come un semplice accompagnamento esplicativo delle slides presentate al convegno “Il Sinodo, i giovani e la fede”, organizzato dal Club Serra di L’Aquila il 12 aprile 2019. ... Continua a leggere