Club Genova Nervi. Passaggio di consegne e riflessione sulla “Christus vivit”

L’incontro conclusivo del Genova Nervi è stata l’occasione per il passaggio di consegne tra la Presidente uscente, Gabriella Mazè, e quello subentrante, Giacomo Righi.

Come da tradizione il Club ha invitato, all’incontro di fine anno, il Preside della locale Facoltà di Teologia, don Davide Bernini. E pure quest’anno i Serrani hanno apprezzato la sua  profonda preparazione biblica e la capacità di sintetizzare i contenuti di un documento articolato come la Christus vivit . Si tratta dell’ esortazione apostolica che, dopo il Sinodo di ottobre,  il Papa ha rivolto ai giovani e al popolo di Dio (la riflessione sui giovani interpella anche gli adulti).

Don Davide ha preliminarmente richiamato l’episodio del giovane ricco, che vuol conoscere Gesù. ... Continua a leggere

Club di San Miniato. LXXIII edizione della Festa del Teatro dello Spirito

A nome del presidente Michele Contino e di tutto il Serra Club di San Miniato, sono lieta di invitarvi alla LXXIII edizione della Festa del Teatro dello Spirito di San Miniato che quest’anno porta in scena “CENACOLO 12 + 1” per la regia di Michele Sinisi. Lo spettacolo ricorda la figura di Leonardo da Vinci a 500 anni dalla sua morte e, in particolare, focalizza il racconto sull’affresco che ancora oggi possiamo ammirare nel refettorio del Convento Domenicano di Santa Maria delle Grazie a Milano, attraverso il quale ripercorreremo la sua storia e quella dei protagonisti dell’Ultima Cena.

Vi invitiamo a scaricare la locandina-invito e la sinossi della Sacra Rappresentazione formulata dalla Fondazione Istituto Dramma Popolare.

L’appuntamento è per Giovedì 18 Luglio 2019 a San Miniato e sarà preceduto, come di consueto, da una conviviale fissata per le ore 19.30 presso il salone parrocchiale della Chiesa della SS. Annunziata a San Miniato (si consiglia il parcheggio nella vicina via Fornace Vecchia).

A seguire ci porteremo nella storica piazza del Duomo per assistere allo spettacolo teatrale.

Con la Vostra collaborazione speriamo che si possano raggiungere quanti più soci possibili e preghiamo i Governatori e i Presidenti di Club di inoltrare questa comunicazione agli indirizzi e-mail dei propri Distretti/Club.

Al fine di permetterci una buona organizzazione della serata, Vi chiedo gentilmente di farci avere le vostre adesioni entro giovedì 11 luglio p.v..

Nel ringraziarvi per l’attenzione e nella speranza di vedervi numerosi, rimango a disposizione per qualunque chiarimento.

 

Grazia Buggiani

GIORNATA MONDIALE DI SANTIFICAZIONE SACERDOTALE. “Amate i sacerdoti, il loro lavoro è prezioso”. Card. Beniamino Stella

Venerdì 28 giugno, solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù, si celebra l’annuale Giornata di santificazione sacerdotale. Ne parla il cardinale Beniamino Stella, prefetto della Congregazione per il clero, Continua a leggere

Datevi al meglio della vita

Datevi al meglio della vita (Christus vivit, 143)

E’ questa la tematica scelta per l’ anno pastorale 2019-2020. Lasciate piuttosto sbocciare i sogni e prendete decisioni. […] Vivete! Datevi al meglio della vita!» Il tema evidenzia lo stretto legame tra vocazione e felicità…

17 giugno 2019

Datevi al meglio della vita 

«Cercare il Signore, custodire la sua Parola, cercare di rispondere ad essa con la propria vita, crescere nelle virtù, questo rende forti i cuori dei giovani. Per questo occorre mantenere la ‘connessione’ con Gesù, essere ‘in linea’ con Lui, perché non crescerai nella felicità e nella santità solo con le tue forze e la tua mente […]. Non confondete la felicità con un divano […] lasciate piuttosto sbocciare i sogni e prendete decisioni. […] Vivete! Datevi al meglio della vita!» (Francesco, Christus vivit, 158.143).

Il tema proposto per l’anno pastorale 2019-2020 evidenzia lo stretto legame tra vocazione e felicità. Quando si parla di vita felice, spesso si immagina una vita tutta gioiosa, senza problemi, senza pensieri (cf. Francesco, Gaudete et exsultate, 75-76). Talvolta anche la vocazione, la vita cristiana, è stata annunciata così, come se la vita nuova promessa dal Vangelo introducesse ‘in un’altra vita’ senza dolori, contraddizioni, fatiche.

Il latino felix deriva dalla stessa radice verbale fe – ‘allattare, nutrire’ – di fecundus ‘fertile, produttivo’. La felicità ha a che fare con la fecondità, una vita felice è una vita feconda; in questa prospettiva, il tema è estremamente vocazionale (cf. Francesco, Evangelii gaudium, 278).

Fecondità, fa rima con ‘relazione’ – non si può essere fecondi da soli – e ‘vocazione’ conduce, alla sua radice, alle sorgenti della fecondità: «Per quanto tu possa vivere e fare esperienze […] non conoscerai la vera pienezza dell’essere giovane se non incontri ogni giorno il grande Amico, se non vivi in amicizia con Gesù» (Francesco, Christus vivit, 150).

Ogni chiamata sorge da una Parola del Risorto sentita come vera per sé, cresce nella relazione con Lui. «Ci sono dei momenti in cui percepiamo all’improvviso: sì, sarebbe propriamente questo – la ‘vita’ vera – così essa dovrebbe essere. A confronto, ciò che nella quotidianità chiamiamo ‘vita’, in verità non lo è. Agostino, nella sua ampia lettera sulla preghiera indirizzata a Proba, una vedova romana benestante e madre di tre consoli, scrisse una volta: in fondo vogliamo una cosa sola – ‘la vita beata’, la vita che è semplicemente vita, semplicemente ‘felicità’. Non c’è, in fin dei conti, altro che chiediamo nella preghiera. Verso nient’altro siamo incamminati – di questo solo si tratta» (Benedetto XVI, Spe salvi, 11).

«Il nostro invito chiama essenzialmente, voi lo sapete, al rinnovamento interiore e alla riconciliazione nel Cristo. Ne va la salvezza degli uomini, ne va la loro felicità completa» (Paolo VI, Gaudete in Domino, I).«In realtà, è Gesùche cercate quando sognate la felicità; è Lui che vi aspetta quando niente vi soddisfa di quello che trovate; è Lui la bellezza che tanto vi attrae; è Lui che vi provoca con quella sete di radicalità che non vi permette di adattarvi al compromesso; è Lui che vi spinge a deporre le maschere che rendono falsa la vita; è Lui che vi legge nel cuore le decisioni più vere che altri vorrebbero soffocare. È Gesù che suscita in voi il desiderio di fare della vostra vita qualcosa di grande, la volontà di seguire un ideale, il rifiuto di lasciarvi inghiottire dalla mediocrità, il coraggio di impegnarvi con umiltà e perseveranza per migliorare voi stessi e la società rendendola più umana e fraterna» (Giovanni Paolo II, Veglia a Tor Vergata, 19 agosto 2000).

Datevi, allora, al Meglio della vita!

 

Premiazione del XV Concorso Scolastico Nazionale del Serra International Italia

Roma. Domenica 2 giugno, all’Hotel Ergife il Serra International Italia ha premiato i vincitori del Concorso scolastico nazionale per l’anno 2018-19. Il tema dell’anno, ispirato dal Messaggio di Papa Francesco per la 52a giornata mondiale delle comunicazioni sociali ha stimolato i candidati ad una riflessione accurate e ricercata, portandoli ad un approfondimento personale dei contenuti supportato anche da citazioni religiose, filosofiche, storiche e culturali in genere.

Ecco i vincitori:

Scuola Primaria:
1° classificato, Club Acqui terme: I.C. “Damilano-Pertini”, Ovada, classe VA, DVD.
2° classificato, Club Altamura: Secondo Circolo Didattico “G. Garibaldi”, Altamura, Classe IIE e IIF, Video.
3° Classificato: Club Palermo: Ist. “Lombardo Radice”, Palermo, Alice Geruso VB, tema.

Scuola secondaria, Primo grado
1° classificato: Club Acireale, Ist.“Guglielmino”, Acicatena, Crizia La Rosa, IIA tema.
2° classificato: Club Torino, “Convitto Umberto I”, Torino, Classi IID e IIIA, album disegni e composizioni.
3° Classificato: Club Tigullio, “Ist. Giannelli”, Chiavari, Riccardo Scibola,
II classe, tema.

Scuola secondaria, Secondo grado
1° classificato: Club Siena, Liceo scientifico “A. Volta”, Siena, Luca Ciuffi VA, tema
2° classificato: Club Aversa, Liceo scientifico “Siani”, Sant’Irpino, classe VA, DVD
3° classificato: Club Lucca, Liceo Scientifico “Barsanti – Matteucci”, Viareggio, classe IVH, giornalino.

Il Papa incontra i partecipanti al Congresso dei Centri Nazionali per le Vocazioni delle Chiese d’Europa

Il Papa ha incontrato, lo scorso 6 giugno 2019, i partecipanti dei Centri nazionali per le vocazioni delle Chiese di Europa, riuniti in un congresso presso la Casa San Juan de Avila, a Roma, dal 4 al 7 giugno.

Tra i presenti anche il Enrico Mori che ha portato il saluto del Serra Italiano al S.Padre.

Il Papa, insieme ad una allocuzione consegnata ai presenti, ha rivolto ai partecipanti un discorso “a braccio”. Ve li proponiamo entrambi.

 

La Carità: incontro con Cristo

Carità, sviluppo integrale e comunione. Sono queste le parole-chiave che Papa Francesco ha declinato nell’udienza concessa ai 450 partecipanti della Caritas Internationalis nella sala Clementina, presso la Santa Sede, il 27 maggio 2019.

La carità è sempre stata sempre il cuore pulsante di Papa Francesco, che l’ha più volte evocata nel corso del suo Pontificato. ... Continua a leggere

Cosimo Lasorsa

Giugno mese della Chiesa

Il mese di giugno di quest’anno è ricco di festività religiose che vale la pena di ricordare.

Domenica 2 giugno ricorre la festività dell’Ascensione, che celebra l’ascesa al cielo di Nostro Signore Gesù Cristo dopo la sua morte e resurrezione. Nel Credo degli Apostoli, l’Ascensione è menzionata con queste parole: “Gesù è salito al cielo, siede alla destra del Padre. E di nuovo verrà, nella gloria, per giudicare i vivi e i morti, e il suo regno non avrà fine”. Con la solennità dell’Ascensione si conclude, infatti, la vita terrena di Gesù che con il suo corpo, alla presenza degli Apostoli, si unisce al Padre nell’attesa della sua seconda venuta sulla terra per il giudizio finale e la restaurazione del regno di Dio (Parusìa).

L’Ascensione è anche il preludio alla Pentecoste, la seconda festività del mese che ricorre la domenica successiva 9 giugno, che ricorda la discesa dello Spirito Santo su Maria e sugli Apostoli riuniti nel Cenacolo e segna l’inizio della storia della Chiesa. La Chiesa vede, infatti, in questa solennità il suo vero atto di nascita di inizio missionario, e la considera, insieme alla Santa Pasqua, la festa più solenne del calendario cristiano, perché vede nello Spirito Santo la terza persona della Santissima Trinità come principio di identificazione dei fedeli, di unificazione della Chiesa, di assistenza del magistero della Chiesa stessa e di tutti i cristiani nella conoscenza della Verità.

Questo pensiero sublime si realizza e si conclude con la festa della Santissima Trinità, che segue nella terza domenica del 16 giugno. Dopo avere vissuto insieme agli Apostoli la salita al cielo di Cristo Gesù e dopo avere accolto lo Spirito Santo nella Pentecoste, la festa della Santissima Trinità ci introduce al mistero delle tre persone, Padre, Figlio e Spirito Santo, in una unica natura, nell’unità perfetta, in una reciproca relazione d’amore. “Una festa per contemplare e lodare il mistero del Dio di Gesù Cristo – ha detto Papa Francesco nella recita dell’Angelus del 27 maggio 2018 – che è Uno nella comunione di tre Persone: il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Per celebrare con stupore sempre nuovo Dio-Amore, che ci offre gratuitamente la sua vita e ci chiede di diffonderla nel mondo”.

Il mese liturgico si conclude, infine, con la solennità del Corpus Domini di domenica 23 giugno, più propriamente chiamata “Solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Gesù Cristo”, che ha lo scopo di celebrare la reale esistenza di Cristo nell’Eucarestia. Questa Eucarestia, alla quale il Corpus Domini si ricollega è, in sintesi, il sacramento dell’Unità della Chiesa, il sacramento che ricorda la consacrazione del pane e del vino fatta da Gesù nell’ultima cena. Simboleggia la passione di Cristo e il sacrificio sulla croce nella comunione dei fedeli.

Queste solennità che ci apprestiamo a celebrare in questo mese di giugno ci invitano, come serrani sostenitori della Chiesa e delle vocazioni sacerdotali, ad immergerci più profondamente nel mistero di cui Cristo ci ha reso partecipi. Se ci fermiamo, inoltre, a riflettere più intensamente, ci accorgiamo che in questo tempo liturgico ci viene offerta anche la possibilità di vivere la dimensione più specifica del nostro essere cristiani.

 

Cosimo Lasorsa

Club di Matera. Mons. Caiazzo incontra gli studenti dell’ITCG Loperfido-Olivetti

“I giovani una sfida per la Chiesa” – “La Chiesa una sfida per i giovani” è il tema che Monsignor Pino Caiazzo ha sviluppato in un incontro che il Serra Club di Matera ha organizzato nell’Aula Magna dell’ITCG Loperfido-Olivetti.

L’Arcivescovo della diocesi di Matera-Irsina incontrato gli studenti del III e IV anno approfondendo particolarmente i capitoli IV, V e IX dell’Esortazione apostolica di Papa Francesco “Christus Vivit”, dialogando e stimolando i giovani su problematiche che assillano la società di oggi.
All’incontro hanno preso parte la Dirigente scolastica Carmelina Gallipoli, il Presidente del Serra Club Gabriele Draicchio e padre Lucio Scalia dei fratelli rogazionisti del Villaggio del fanciullo di S. Antonio di Matera. Ha moderato l’incontro Domenico Infante, Direttore dell’Ufficio comunicazioni sociali dell’Arcidiocesi di Matera-Irsina. ... Continua a leggere

Margherita Lopergolo

Le bugie e le Fake news hanno colpito nel segno!

Il tema dell’anno, ispirato dal Messaggio di Papa Francesco per la 52a giornata mondiale delle comunicazioni sociali ha stimolato i candidati ad una riflessione accurata e ricercata, portandoli ad un approfondimento personale dei contenuti supportato anche da citazioni religiose, filosofiche, storiche e culturali in genere. 

Questi i due temi assegnati ai concorrenti:

Per la scuola secondaria di 1° e 2° grado:
“Prova a mettere in pratica questo suggerimento
interrogandoti su cosa è la verità, come cercarla,
riconoscerla e difenderla. Dio è una fake news?

Per la scuola primaria:
“L’amicizia sincera non ammette bugie, anche se
qualche volta preferiamo la bugia piuttosto che la verità:
secondo te è giusto? e perché accade?”

Le tecniche usate sono state le più varie dalla grafica alle video clip, dal pop-up alle poesie e componimenti con accompagnamenti musicali che esaltano a sensibilità dello studente, dimostrando tutte una grande capacità di sintesi e di comunicazione.
La ricerca della Verità e di Dio è stata affrontata in modi diversi ma tutti dimostrano un’ansia interiore di arrivare ad una verità evitando l’inganno ed il qualunquismo.
A seguito di una accurata analisi e correzione degli elaborati la commissione ha stabilito vincitori del Concorso scolastico 2018-2019 i seguenti alunni.

ELENCO:

Scuola Primaria:
1° classificato, Club Acqui terme: I.C. “Damilano-Pertini”, Ovada, classe VA, DVD.
2° classificato, Club Altamura: Secondo Circolo Didattico “G. Garibaldi”, Altamura, Classe IIE e IIF, Video.
3° Classificato: Club Palermo: Ist. “Lombardo Radice”, Palermo, Alice Geruso VB, tema.

Scuola secondaria, Primo grado
1° classificato: Club Acireale, Ist.“Guglielmino”, Acicatena, Crizia La Rosa, IIA tema.
2° classificato: Club Torino, “Convitto Umberto I”, Torino, Classi IID e IIIA, album disegni e composizioni.
3° Classificato: Club Tigullio, “Ist. Giannelli”, Chiavari, Riccardo Scibola,
II classe, tema.

Scuola secondaria, Secondo grado
1° classificato: Club Siena, Liceo scientifico “A. Volta”, Siena, Luca Ciuffi VA, tema
2° classificato: Club Aversa, Liceo scientifico “Siani”, Sant’Irpino, classe VA, DVD
3° classificato: Club Lucca, Liceo Scientifico “Barsanti – Matteucci”, Viareggio, classe IVH, giornalino.

La premiazione avverrà domenica 2 giugno in mattinata, presso l’Hotel Ergife.