Club di Roma. Conviviale di apertura del nuovo anno sociale.

Si è svolta ieri 21 ottobre, presso la “Casa Bonus Pastor”, alla presenza del Sig. Governatore del Distretto 72 Avv. Marcello Bonotto, la cerimonia di apertura dell’anno sociale 2021/2022 del Serra Club di Roma. Assieme ai soci ed agli invitati, era presente Suor Stella del Mare, quale incaricata delle vocazioni della Provincia “Madonna di Loreto” (Italia-Albania-Grecia) dell’Istituto “Serve del Signore e della Vergine di Matara’”, in rappresentanza del medesimo Istituto religioso.

Dopo la Santa Messa officiata dal Cappellano del Club, Mons. Vittorio Formenti, e concelebrata da Padre Giovanni Pucci, il neo presidente Dott. Roberto Razzano ha dichiarato aperto il nuovo anno sociale, auspicando che possa essere sereno e proficuo per tutti, ricco di esperienze ma, soprattutto di sincera amicizia e di gioia di ritrovarsi insieme dopo il lungo periodo che ci ha visti lontani, distanti e isolati a causa della nota, devastante pandemia.

È stata, altresì, ricordata la figura esemplare del Cav. di Gr. Cr. Avv. Franco Carolei, già Presidente del Serra Club di Roma, recentemente scomparso.

 

A seguire, Mons. Vittorio Formenti ha magistralmente illustrato il tema dell’anno: “Vivere le beatitudini è rendere eterno quello che passa. È portare il Cielo in Terra”, coinvolgendo al massimo l’attenzione dell’uditorio sull’argomento che rappresenta il più grande atto di speranza cristiano.
Al termine, il Sig. Governatore Avv. Marcello Bonotto ha rivolto un saluto ben augurante a tutti i presenti manifestando la vicinanza e l’incoraggiamento di tutto il Distretto.
La consueta conviviale ha concluso la serata ricca di emozioni e di gioia per il ritrovato spirito di affiatamento e condivisione serrana.

Roberto Razzano

Pubblicato il Programma generale del CNIS

 

E’ a disposizione qui di seguito la brochure del Programma generale dell’incontro del CNIS che si terrà a Roma il 29-30-31 ottobre 2021.

I lavori del Cnis, la cui partecipazione sarà aperta anche ai soci che lo vorranno, si apriranno nel pomeriggio del 29 ottobre per concludersi nella mattinata di sabato 30 ottobre.
Per gli accompagnatori che lo desiderano, il programma prevede la possibilità di visite guidate.
Nel pomeriggio di sabato 30 ottobre, don Michele Gianola, direttore dell’Ufficio nazionale per la Pastorale delle Vocazioni, e Riccardo Venirti, giornalista e caposervizio del SIR, guideranno una riflessione sul tema nazionale dell’anno “Vivere le beatitudini è rendere eterno quello che passa. È portare il Cielo in terra”.
Seguiranno la S.Messa, presieduta da don Michele Gianola, e la cena sociale, durante la quale avrà luogo la cerimonia del passaggio di consegne e verrà presentata la nuova squadra di lavoro.
La domenica è prevista la partecipazione dei serrani all’Angelus in piazza San Pietro.

 

 

Distretto 171. Le vocazioni sacerdotali: la nostra stella

Sabato 9 Ottobre 2021, presso la Sala Piergiorgio Battistini, a Sinalunga, si è riunito il Consiglio del Distretto 171 Serra International Italia.

Del Distretto 171 fanno parte i Clubs Serra di Arezzo, Assisi-Perugia, Grosseto, Montepulciano e Siena.

Dopo oltre un anno, finalmente in presenza, attuando le necessarie norme anticovid-19, si è svolta la prima riunione distrettuale per l’annata serrana 2021-2022.

Il primo momento significativo è stato condotto da Don Manlio Sodi, V. Cappellano del Club di Montepulciano-Chiusi-Pienza che, accogliendo calorosamente i Presidenti dei Clubs e i Presidenti delle Commissioni Vocazioni, Estensioni e Sviluppo, Comunicazioni, Programmi Organizzazione e Cultura, per prima cosa, ha spiegato il significato del percorso sinodale che inizierà a breve. Si è poi soffermato a parlare del tema del Concorso Scolastico Nazionale e Locale del Serra che ha per tema “Prendersi cura di se stessi e degli altri, per un mondo migliore “. Ha ricordato poi che l’accompagnamento delle Vocazioni Sacerdotali rimane sempre il principale impegno dei Serrani seguendo le parole di Gesù. “Pregate il padrone della messe …”.

Ha poi fatto seguito il saluto di benvenuto dell’Amministrazione Comunale di Sinalunga, da parte del V. Sindaco della Città di Sinalunga, Prof.ssa Cecilia Bernardini che ha sottolineato il connubio tra quello che è il culto e tra quella che è la nostra realtà vissuta ogni giorno. Ha espresso l’importanza, in questo particolare momento, di mettere al centro la cura della persona, facendo rete, tra mondo religioso e mondo laico. Ha poi consegnato alcune copie dell’ultima edizione dei Quaderni Sinalunghesi dove si trova una interessante sezione dedicata a tutte le rappresentazioni artistiche dell’Annunciazione, presenti nel territorio di Sinalunga.

Prima dell’inizio dei lavori, il parroco della Collegiata di San Martino, in Sinalunga, Don Tonino Savina, ricordando anche con gratitudine l’aiuto ricevuto dal Serra Club prima di essere ordinato Sacerdote, ha condotto un momento di preghiera.

Subito dopo il Past Governatore Rita Trubbianelli, del Club di Assisi-Perugia, con una semplice cerimonia, ha provveduto al passaggio del distintivo al nuovo Governatore Luciano Neri del Serra Club di Montepulciano.

Il Governatore ha quindi introdotto i lavori ringraziando tutti i presenti ma in particolare Don Tonino Savina per la gradita e generosa ospitalità concessagli. Ha poi ricordato gli scopi serrani dei Clubs dove, con spirito di amicizia e servizio, si debbono proporre la diffusione della cultura cristiana, l’approfondimento della propria fede cristiana, lo sviluppo di azioni e progetti mirati a favorire le vocazioni dei giovani e il sostegno concreto, oltre la preghiera, per i seminaristi, i sacerdoti e i consacrati. Ha poi continuato suggerendo, visto il periodo pandemico che stiamo vivendo, come itinerario serrano per quest’anno, oltre le sollecitazioni forniteci da Serra International Italia, con il tema dell’anno sociale 2021-2022: “Vivere le beatitudini è rendere eterno quello che passa. È portare il cielo in terra”, due indicazioni forniteci dal nostro V. Cappellano Don Manlio Sodi e cioè:

– Attenzione a stessi (La carità comincia dalla cura di se stessi. Amare se stessi! Non con egoismo ma con rette intenzioni)

– Attenzione agli altri (prendersi cura degli altri per una società migliore, contro la solitudine ed il disorientamento, rinnovare ed ampliare le relazioni, curare il bene comune ed il patrimonio culturale a noi affidato).

Il Governatore ha poi concluso esprimendo il desiderio che tutti i Clubs Serra del Distretto 171, organizzino una giornata di formazione, condotta dal Coordinatore Nazionale della Commissione per la Formazione Serrana, Antonio Ciacci del Club di Siena, allo scopo di rinnovare e rafforzare in ciascun socio la consapevolezza dell’essere serrano, affinché nel tempo sappiano tradurre i consigli ricevuti in una grande varietà d’iniziative.

Sono seguite poi le relazioni sui loro programmi di tutti i Presidenti dei Clubs, degli Incaricati delle Commissioni e del Tesoriere.

Alle ore 12.00 circa, terminati i lavori, tutti i partecipanti si sono recati presso la Collegiata di San Martino per assistere alla SS. Messa presieduta dal nostro Vescovo Stefano.

Durante l’omelia il Vescovo ha ricordato l’ultimo incontro, avvenuto a Montepulciano, di tutti i Seminaristi della Toscana. Settantadue ragazzi gioiosi, in pace, sorridenti di ritrovarsi insieme in un bel clima di amicizia. A seguire ha commentato il cammino sinodale che stiamo per iniziare perché ci aiuti a non mollare l’impegno di conversione. Infine ha considerato la presenza di Satana dicendo che siamo costantemente nella lotta e che bisogna insistere nella serietà della nostra fede e nella serietà delle nostre convinzioni.

La piacevole giornata si è conclusa con un’agape fraterna presso un vicino Ristorante.

Club di Pomposa. San Pier Damiani e Pomposa

Il prof. don Ugo Facchini di Faenza, il 5 ottobre ha tenuto un’interessante e partecipata conferenza all’Abbazia di Pomposa: “Pier Damiani e Pomposa. Monachesimo e teologia al tempo della Riforma. In margine al centenario dantesco”, nell’ambito di una riunione organizzata dal Serra club di Pomposa, presieduto dalla prof. Daniela Cavallari di Codigoro e dai Ricostruttori nella preghiera.... Continua a leggere

Club di Prato. Apertura del nuovo anno sociale

Il Serra Club di Prato si è ritrovato alle 18:30 presso la Chiesa di San Fabiano in Seminario Vescovile per la celebrazione della Santa Messa Eucaristica celebrata dal Cappellano nonché Rettore del Seminario Monsignor Daniele Scaccini che è stato nominato nuovo Vicario Generale Diocesano il 1 Settembre e ha concelebrato Monsignor Basilio Petrà per dare inizio al nuovo anno sociale.

Nell’omelia Don Daniele si è soffermato sul brano del Vangelo di Marco sul giovane ricco che chiede a Gesù che chiede cosa fare per ottenere la vita eterna.

Don Daniele ha ricordato che servirsi di Dio non è la stessa cosa che seguirlo; portare una fede vera e autentica va oltre gli aspetti religiosi, che contano, ma fino ad un certo punto.

Quando Gesù vede i suoi discepoli rimasti nel dubbio su chi si sarebbe salvato un giorno chiarisce il tutto dicendo cosi: “Impossibile presso gli uomini ma non presso Dio, perché tutto è possibile verso di lui”. Il discorso di Gesù non è una condanna verso i ricchi, ma su come vengono usate le ricchezze, perché se ne viene fatto buon uso, è possibile fare grandi cose, come aiutare chi si trova nel bisogno, altrimenti diventa una forma di idolatria che genera egoismo.

Alla fine dell’omelia Don Daniele fa una breve citazione sul venerabile Renzo Buricchi (1913-1983), tabaccaio pratese in fase di beatificazione, che visse nell’amore verso la Chiesa e verso Cristo.  Dopo la Messa c’è stato un breve discorso di saluto fatto dal Dottor Stefano Guarducci, Presidente in carica per questo anno ovvero il  che si è complimentato ed ha ringraziato i presenti alla serata iniziale con la speranza di poter svolgere il programma annuale.

Successivamente ci siamo spostati verso la storica Trattoria Lapo che è in Piazza Mercatale per la cena perché le misure anti Covid 19 non ci permettono ancora di poter fare le serate nel refettorio del seminario fino allo scorso anno ma la cosa bella è che ci rivediamo dal vivo con le nostre attività

 

Marco Giraldi

Club di L’Aquila. Una Lauda di Celestino e il pianto senza tempo di Maria.

Mercoledì 15 settembre 2021 alle ore 18,30 presso la Chiesa del Suffragio in p.za Duomo, il Serra Club di L’Aquila, ha organizzato un incontro sul tema “Una Lauda di Celestino e il pianto senza tempo di Maria“, in occasione della ricorrenza liturgica della Beata Maria Vergine Addolorata.

La Chiesa, popolarmente detta “delle Anime Sante“ è stata edificata successivamente al terremoto del 1703 a ricordo delle vittime, e rappresenta la massima espressione dell’architettura barocca aquilana del XVIII secolo.

All’interno della chiesa è stata realizzata, dopo il terremoto del 2009, la Cappella della memoria a ricordo delle 309 vittime.

Dopo il saluto della Segretaria Generale della Consulta Diocesana delle Aggregazioni laicali, Assunta Graziosi, e l’intervento di Don Alessandro Benzi, la Presidente Nazionale Paola Poli, ha introdotto il tema mettendo in evidenza l’importanza del Codice di Papa Celestino V, da cui è tratta la “Lamentatio Beate Marie de Filio“.... Continua a leggere

Il discorso del papa al Sinodo dei Vescovi: “Votino i fedeli…” “Si ascoltino le necessità dei fedeli…”

Il discorso di apertura del Santo Padre Francesco all’inizio del Percorso Sinodale è un invito alla partecipazione di tutti. Anche noi Serrani dobbiamo sentirci interpellati, e chiamati a portare il nostro contributo, nell’ambito delle nostre Diocesi e nei nostri incontri.


Cari fratelli e sorelle,

grazie per essere qui, all’apertura del Sinodo. Siete venuti da tante strade e Chiese, ciascuno portando nel cuore domande e speranze, e sono certo che lo Spirito ci guiderà e ci darà la grazia di andare avanti insieme, di ascoltarci reciprocamente e di avviare un discernimento nel nostro tempo, diventando solidali con le fatiche e i desideri dell’umanità. Ribadisco che il Sinodo non è un parlamento, che il Sinodo non è un’indagine sulle opinioni; il Sinodo è un momento ecclesiale, e il protagonista del Sinodo è lo Spirito Santo. Se non c’è lo Spirito, non ci sarà Sinodo.... Continua a leggere

Il Serra Club di Asti riprende le attività sociali

Giovedì 30, presso la chiesa di San Paolo ad Asti, il Serra Club  si è radunato con l’assistente don Carlo Rampone, per iniziare a pensare ai progetti dell’anno, partendo dalla celebrazione eucaristica.

La comunità di San Paolo e padre Luigi Testa del Marello hanno accolto i soci e la messa ha costituito un dolce momento di spiritualità e raccoglimento.

Al gruppo di Astigiani presenti si sono aggiunti anche alcuni amici di Torino, che si sono uniti al Club astigiano proprio per collaborare insieme. ... Continua a leggere

XVII Concorso Scolastico Nazionale Serra International Italia. “Prendersi cura di se stessi e degli altri per un mondo migliore”.

Pubblichiamo oggi il bando del Concorso Scolastico Nazionale del Serra International Italia, giunto alla XVII edizione.

Il tema è “Prendersi cura di se stessi e degli altri per un mondo migliore”

Per maggiori informazioni, per conoscere le tracce e scaricare il bando visita la pagina web.

Incisa Scapaccino. Il Serra Club di Acqui ha aperto il nuovo anno sociale

 

INCISA SCAPACCINO. Venerdì 10 settembre i soci del Serra Club della Dio­cesi di Acqui si sono ritrovati per l’apertura del nuovo anno sociale 2021/2022.  L’incontro  nel pieno rispetto delle attuali disposizioni sanita­rie si è svolto nel santuario della Virgo Fidelis a Borgo Villa di Incisa Sca­paccino alla presenza anche di una significativa delegazione dell’Associazione Nazionale Carabinieri, custode del Santuario.

E’ toccato al presidente Oldrado Poggio aprire la serata  rivolgendosi  ai soci “ è emozionante rivedervi e potervi salutare personalmente dopo tanto tempo”. L’ultima riunione in presenza si era  infatti svolta nel feb­braio del 2020. Un particolare grazie ha rivolto a don Giambattista Giac­chero per aver accettato di presiedere la concelebrazione eucaristica: “ perché quando ci siamo ritrovati l’ultima volta Lui era il nostro presidente eletto ….. ma dopo è cambiato tutto. Con la sua decisione di accettare l’invito del nostro vescovo Luigi Testore noi abbiamo sicuramente perso un bravo presidente, ma certamente la Diocesi ha acquistato un ottimo presbitero.”

Don Giambattista  Giacchero, dopo aver illustrato  brevemente la storia del Santuario “passato nel volgere di pochi anni da chiesa abbandonata e sconsacrata a questo accogliente Santuario grazie all’impegno di tanti volontari, all’Associazione Nazionale Carabinieri  e al  sostanzioso soste­gno di alcune Fondazioni bancarie tra le quali quella della  Cassa di Ri­sparmio di Asti” ha presieduto la concelebrazione eucaristica affiancato dal vice cappellano del Serra don Domenico Pisano, dal direttore della Ca­ritas  don Giovanni Falchero e da don Nicolò Ferrari che ha tenuto l’omelia, mentre le letture e le intenzione di preghiera sono state lette da Angela Olivieri e Elisabetta Ghiglia.

Al termine, don Giambattista  Giacchero ha tenuto una  brillante e dotta relazione su “ Alla scuola di Marco per rafforzare la nostra fede di disce­poli di Gesù di Nazaret, Cristo e figlio di Dio”. Relazione accolta da un lungo applauso sicuramente indicativo del gradimento avuto dalla mede­sima.

 

Il presidente ha quindi fatto omaggio a nome del Serra club a  don Giac­chero di una casula con l’augurio che “  lo accompagni in questo suo nuovo ampio campo di missione unitamente al nostro augurio e al nostro affetto”. Don Giacchero nel ringraziare ha voluto ricordare come “la vo­lontà di Dio, se accolta,  supera sempre le nostre stesse aspettative”.

Anche a don  Nicolò   Ferrari, fresco di ordinazione e di studi, il presidente dopo averlo ringraziato per la sua presenza e per la bella omelia,  ha con­segnato un ricordo a nome del Serra. Nel ringraziare   don Nicolò ha ri­cordato come per anni abbia sentito il sostegno del Serra, ma anche le preghiere che lo hanno accompagnato nel suo percorso di studi e di pre­parazione all’ordinazione sacerdotale”. Puntuale è arrivata anche una comunicazione del vice cappellano don Domenico Pisano: “Domenica sera accompagnerò nel seminario interdiocesano di Novara un ragazzo di que­sta Diocesi che inizia il suo percorso di preparazione al sacerdozio con la frequentazione dell’anno propedeutico”.

In conclusione, il presidente ha rivolto alcuni ringraziamenti ai sacerdoti concelebranti, al past governatore del Serra del Piemonte Paolo Rizzolio, al governatore eletto Lucia Barbarino che ha fatto omaggio dei fiori per l’altare, all’Associazione Nazionale Carabinieri di Incisa, Asti e di Acqui, ai volontari custodi del Santuario e a tutti i serrani presenti e a quelli impos­sibilitati ad intervenire. (O P )