Tema dell’anno sociale 2021/2022

Il discorso della montagna di Carl Heinrich Bloch (1877)

“VIVERE LE BEATITUDINI E’ RENDERE ETERNO QUELLO CHE PASSA. E’ PORTARE IL CIELO IN TERRA”

Continua a leggere

Lettera ai Serrani di Sua Ecc. Mons. Patron Wong, consulente Episcopale di Serra Italia

Pubblichiamo la Lettera che Sua Ecc.Mons. Jorge Carlos Patron Wong, consulente Episcopale di Serra Italia, rivolge a tutti i soci dei Serra Club d’Italia e della Svizzera Italiana nella quale ci introduce al Tema nazionale per l’anno sociale ‘La fede non è un’idea: è un incontro con Gesù”. Il testo della lettera che è anche disponibile sul Bellringers recentemente distribuito.

Cari amici serrani,

nell’ultimo Documento del Magistero, che Papa Francesco ci ha offerto a margine del Sinodo sui Giovani, viene messa a fuoco la necessità e l’importanza di non procedere all’annuncio della fede con formule e risposte pre-confezionate, bensì seguendo la logica del Vangelo, che fa leva sulla bellezza di una chiamata e di un’amicizia personale che Gesù stesso stabilisce con coloro che invita a partecipare alla missione del Regno di Dio. ... Continua a leggere

La Carità: incontro con Cristo

Carità, sviluppo integrale e comunione. Sono queste le parole-chiave che Papa Francesco ha declinato nell’udienza concessa ai 450 partecipanti della Caritas Internationalis nella sala Clementina, presso la Santa Sede, il 27 maggio 2019.

La carità è sempre stata sempre il cuore pulsante di Papa Francesco, che l’ha più volte evocata nel corso del suo Pontificato. ... Continua a leggere

Cosimo Lasorsa

Tema dell’anno sociale 2019/2020. La fede non è un’idea ma un incontro

Amici serrani, questo è il tema che vi propongo per il prossimo anno sociale.

Faccio mie le parole del Papa Emerito Benedetto XVI usate a sua volta da Papa Francesco:

«La fede non è una teoria, una filosofia, un’idea ma un incontro. Un incontro con Gesù. Se così non avviene, se non ci si imbatte nella sua misericordia, si può pure recitare il Credo a memoria, ma non avere fede».

Ma che cosa significa avere fede?

Leggi tutto […]

Tema anno sociale 2018/2019. I giovani: una sfida per la Chiesa. La Chiesa: una sfida per i giovani

Questo è il tema che farà da filo conduttore per il prossimo anno sociale 2018/2019.

I giovani sono il nostro futuro per questo dobbiamo metterci in ascolto di quanto ci vogliono dire, cioè fare nostre “hic et nunc” (qui e adesso) le loro voci, i loro pensieri, le loro idee: ma come? Attraverso:

l’ascolto e la comprensione

l’approfondimento e l’applicazione

la risposta e il dialogo

lo stupore e l’adesione

la condivisione e la compartecipazione

Nel documento finale Pre-Sinodale dei giovani sono apparse chiare le loro richieste alla Chiesa, non vogliono sentirsi esclusi perché troppo piccoli e inesperti per prendere decisioni, ma vogliono partecipare attivamente ed assumersi delle responsabilità, essere ascoltati, essere testimoni credibili soprattutto verso i loro coetanei della Fede in Gesù Cristo.

Dobbiamo focalizzarci su services che siano attrattivi per “loro” e non per “noi”; mi spiego meglio con un esempio: un film in prima visione, magari vincitore dell’Oscar, e per noi un capolavoro non sempre è interessante per i giovani, vuoi perchè non c’è l’attore/attrice da loro conosciuto, vuoi per la trama della storia che racconta: dobbiamo quindi capire quale film vince l’Oscar per loro.

Dobbiamo confrontarci e proprio per questo “SFIDA” è la parola chiave del tema proposto.

“SFIDA” perché non possiamo lasciare nulla di intentato per riportare la Chiesa, quella fatta di preghiera, di ascolto, di umiltà, di misericordia, alla sua origine: affidandoci a Colui che Era, che E’, che Viene.

“SFIDA” perché i giovani non possono e non devono lasciarsi intimorire dai “saggi” ma anzi devono “gridare per farsi sentire” queste sono le parole usate da Papa Francesco nella giornata conclusiva del Pre-Sinodo.

“SFIDA” verso il vero senso del discernimento vocazionale e qui ci dobbiamo mettere in gioco noi adulti attraverso l’esempio in prima persona, non a parole ma con i fatti e con l’impegno quotidiano.

“SFIDA” perché dobbiamo coinvolgere i giovani nelle nostre decisioni, offrendo loro ruoli di leadership e non di semplici comparse, formandoli e programmando con loro uno sviluppo continuo. E’ indispendabile il rinnovo costante partendo dai nostri Club per poi proseguire nei Distretti e nel Consiglio Nazionale della classe dirigente, questo per evitare che siano sempre i soliti, di certo validissimi ma magari un po’ “stanchi” ed “appagati”, a ricoprire gli incarichi istituzionali previsti, tarpando le ali a potenziali risorse che abbiamo il dovere di ricercare tra i nostri giovani. Questo non vuole dire che si deve per forza rottamare tutti, ma che chi ha più esperienza la deve mettere a disposizione dei nuovi arrivati per integrarli e far si che la “squadra” funzioni al meglio.

“SFIDA” perché la Chiesa e tutti noi dobbiamo uniformarsi al mondo attuale dei social media, del virtuale, processo ineludibile per restare in contatto e al passo con i giovani.

“DUC IN ALTUM” (Lc 5,4) “Prendete il largo” dice Gesù, oggi a noi.

E’ l’invito ad avventurarci con entusiasmo e fiducia nell’esperienza della sequela, dell’ascolto, della preghiera, della comunione e della missione.

Gesù Cristo è lo stesso, ieri, oggi e sempre.

Enrico Mori