Distretto 171. Il «Serra club» per i seminaristi, e non solo

Nella splendida cornice offerta dalla diocesi poliziana, si è svolta l’ormai consueta Festa dei Seminari del Distretto 171 di Serra International. La festa, giunta ormai alla decima edizione, ha ripreso la propria consuetudine dopo due anni di pandemia.

L’intento del Serra Club, un movimento internazionale laico al servizio della Chiesa cattolica il cui scopo è quello di sostenere le vocazioni al sacerdozio ministeriale e alla vita consacrata attraverso la preghiera, ma soprattutto l’amicizia nei confronti dei sacerdoti, suore e seminaristi, è sempre stato quello di offrire la possibilità ai seminaristi di trascorrere una giornata insieme, all’insegna dell’amicizia che lega ogni autentico serrano al proprio seminario. Il Serra club, definito dal cardinal Siri un Rotary cattolico, è a tutti gli effetti un club service a struttura piramidale presente in tutto il mondo.

Una mattinata a Pienza

Giornata speciale è stata quella iniziata il 27 maggio quando un bel gruppo di seminaristi della diocesi di Assisi e Perugia, con il loro rettore don Andrea Andreozzi, si sono ritrovati con gli Amici serrani a Pienza. La mattinata non poteva che concentrarsi nell’ammirazione dei tesori della cattedrale appena restaurata e riaperta al pubblico in tutto il suo splendore.

Guidati da don Manlio Sodi, i seminaristi hanno potuto ammirare sia l’insieme della «domus vitrea» sia i dettagli delle cinque ancone fatte predisporre dallo stesso Pio II per la «sua» cattedrale. Sorpresa per tutti è stato il soffermarsi davanti all’altare di sant’Andrea – opera dello stesso architetto Rossellino – ricordando che per sei secoli vi è stata custodita la reliquia insigne dell’apostolo sant’Andrea.

Nella mattinata la visita è continuata nelle sale del museo diocesano, ammirando le tante ricchezze, segni di fede e di cultura. Un ricordo significativo è stato il dono a ciascuno del volumetto «Pienza, il Cielo in cattedrale» – una guida artistico-spirituale delle ancone del duomo, e «San Bernardino da Siena, un predicatore per ogni tempo» editi a cura della Società Bibliografica Toscana.

Il pomeriggio a Montepulciano

Il Distretto 171 che comprende i club di Arezzo, Assisi-Perugia, Grosseto, Montepulciano e Siena, annovera circa 30 seminaristi che si sono ritrovati in cattedrale, per prendere parte ad un incontro, organizzato dal Governatore del Distretto, Dott. Luciano Neri, con la collaborazione attenta e puntuale della Responsabile della Commissione Vocazioni Dott.ssa Maria Rosaria Cacciabovi, per ascoltare don Luigi Maria Epicoco.

Il tema della relazione ha avuto per oggetto l’ultimo libro pubblicato da don Epicoco dal titolo: «La scelta di Enea». L’uomo è un essere imitativo, spiega Don Luigi Maria, apprende la vita con gli occhi. Questo è il motivo per cui in ogni tempo e in ogni luogo ha sempre fissato lo sguardo su qualcuno per capire se stesso…. La testimonianza è un tema chiave e don Epicoco ha articolato la sua testimonianza esaminando alcuni punti.

1° – Enea prende una posizione davanti all’inganno dei Greci, perché egli ne è testimone. Non scappa quando sente mancarsi la terra sotto i piedi, ma sceglie la vita: inizia un percorso che non sa dove lo porterà, ma fa una scelta. Tutto il Vangelo è un tentativo di Gesù ad esortare le persone a ritrovare la propria umanità e a non disertare la logica della croce. Da qui la sfida nell’accettare che la vita ha un lato misterioso e che si diventa adulti quando ci si accorge che ognuno di noi è fatto di luce e di buio.

2° – Il coraggio di mettersi in viaggio. Nell’epoca della globalizzazione, dove il tempo e lo spazio vengono annullati, soltanto l’amore può salvarci attraverso la pedagogia della gradualità. La Chiesa non ha paura della verità: per questo spinge tutti a mettersi in ascolto, perché ciò che è dentro di noi deve condurci alla verità. Lo Spirito è la presenza di Cristo

dentro di noi. È importante che laici, presbiteri e seminaristi capiscano questo passaggio: Gesù fa la volontà del Padre, perché l’ha fatta propria.

3° – E il conflitto generazionale? Viviamo in una società in cui le diverse generazioni coesistono, ma non dialogano tra loro. Nel nostro tempo uno vale per quanto produce; un anziano è considerato uno scarto. La testimonianza di Enea dimostra il contrario: le radici sono essenziali. Enea sceglie di portare il padre sulle spalle e il figlio per mano. Non si può vivere senza appartenenza e tradizioni: nessuno di noi può fare a meno di un’appartenenza perché tutti abbiamo bisogno di guardare qualcuno per rafforzare la nostra fragilità. Non dobbiamo avere paura delle tempeste, dobbiamo recuperare la logica della testimonianza. La società non vuole che mostriamo la soluzione di tutti i problemi, ma che indichiamo punti di riferimento. Solo le persone che riprendono in mano la propria umanità e si lasciano accompagnare, possono annunciare al mondo scintille di verità.

Una partecipazione esemplare

All’evento erano presenti il Vescovo di Montepulciano-Chiusi-Pienza mons. Stefano Manetti, il Rettore del Seminario di Assisi don Andrea Andreozzi (cappellano del Serra Club di Assisi), il Rettore del Seminario di Grosseto Don Gian Paolo Marchetti (cappellano del Serra club di Grosseto), don Manlio Sodi (Cappellano del Serra Club di Montepulciano), il Rettore del Seminario di Arezzo don Andrea (Cappellano del Serra Club di Arezzo), numerosi sacerdoti e serrani provenienti da tutto il distretto, che hanno apprezzato molto sia l’esperienza pientina del mattino che i contenuti del pomeriggio, e soprattutto la presenza di tutti i Seminaristi.

La serata si è conclusa con una conviviale che si è svolta presso la Canonica all’ombra del Tempio di San Biagio, gentilmente ospitati dal Parroco don Domenico Zafarana.

L’olio a sant’Agnese

In occasione dei festeggiamenti di sant’Agnese, la domenica 29, presso la casa natia della santa a Gracciano, il Serra Club ha donato l’olio per la lampada votiva. La numerosa partecipazione di tanti fedeli provenienti anche dal paese di Proceno, guidati dal loro infaticabile parroco, ha reso la festa particolarmente solenne.

Ernesto De Cesaris

Manlio Sodi

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.