Articoli

Le attività del Club di Genova Pegli nel Tempo di Quaresima

Venerdì 25 Marzo, Festa dell’Annunciazione,  una rappresentanza del  Serra Club Genova Pegli 364 ha partecipato,  nella Cattedrale di S. Lorenzo,  alla preghiera per l’Atto di Consacrazione della Russia e dell’Ucraina al Cuore Immacolato di Maria. Il nostro Arcivescovo S. Ecc. Mons. Marco Tasca, accogliendo l’invito rivolto da Papa Francesco a tutti i Vescovi del mondo di unirsi nelle proprie Chiese Cattedrali a  questa preghiera, ha presieduto alle ore 17.00  nella Cattedrale, affollatissima,   la preghiera del Santo Rosario e ha letto l’Atto di Consacrazione, con forte coinvolgimento dei fedeli. Questa data  per la Città di Genova è particolarmente significativa in quanto il 25 Marzo 1637, per volontà del Senato della Repubblica, la Madonna venne incoronata in Cattedrale  dal Cardinale Spinola  “Regina della Repubblica di Genova”. Le furono donati lo scettro regale, la corona e le chiavi della città. Nel 2017, dopo 380 anni,   il Card. Angelo Bagnasco ha rinnovato l’atto di “Consacrazione alla Madonna Madre e  Regina di Genova”.  Successivamente, nel 2020, durante la pandemia di Coronavirus, il giorno 25 Marzo  ha pregato dinanzi all’immagine della “Madonna Regina” per la nostra città, per l’Italia e per l’Europa, recitando la preghiera comunicata nei giorni precedenti per la Novena. Il giorno dopo, Sabato 26 Marzo,  i Serra Club genovesi e del Tigullio si sono riuniti in Ritiro Spirituale presso l’Istituto di Cultura e Lingue Marcelline. Don Marco Rapetti Cappellano del Serra Club Genova 184 Valbisagno  ha guidato la preghiera delle Lodi Mattutine e dell’Ora Media (sesta), stimolandoci alla riflessione sui nostri comportamenti non sempre conformi alla volontà di Dio, sulle nostre fragilità e sulla Misericordia del Padre, sempre pronto al perdono per chi lo teme. Don Rapetti ha celebrato la S. Messa e la giornata è terminata con un piacevole momento conviviale. Infine la sera del 8 Aprile i Serra Club genovesi si sono nuovamente riuniti per partecipare alla Via Crucis presso il Seminario Arcivescovile insieme ai Seminaristi e al loro Rettore Don  Francesco Fully Doragrossa. Questi  sono momenti che sicuramente arricchiscono spiritualmente e confortano nelle situazioni difficili da sopportare come accade in questo periodo infausto

LIDIA PISTARINO

 

Il Club di Genova Pegli compie 50 anni.

Serra Club 364 Genova Pegli

 

 

il Presidente

 

Carissimi  Soci, Amici e Sacerdoti,

sabato 21 novembre di cinquanta anni fa fu consegnata la Charter all’ing. Enzo Di Bella, primo Presidente del nostro Serra Club 364, e fu l’inizio ufficiale del Serra Genova Pegli. Sono stati cinquanta anni al servizio della nostra Santa Madre Chiesa spendendoci per i Sacerdoti e i seminaristi.

Personalmente benedico chi mi ha condotto al nostro Serra oltre quaranta anni fa perché mi ha permesso di approfondirmi  nella conoscenza della mia Fede in Gesù di Nazareth che è DIO, l’onnipotente creatore del cielo e della terra e di me tapino.

L’attuale situazione non consente di solennizzare l’evento come questa importante ricorrenza meriterebbe.

Per il momento

Sabato 21 novembre 2020

ci incontreremo nella Parrocchia di  San Francesco di Sestri Ponente per partecipare alla S.Messa prefestiva delle ore 18 concelebrata dal grandissimo Don Delfino, nostro Cappellano da cinquant’anni, al quale va reso il merito di averci donato una fede granitica in Cristo, nostra meta!

Confido in una vostra partecipata presenza.

Ponendoci tutti sotto la protezione di Nostra Signora della Guardia, vi saluto con affetto

Alberto Robustelli

Genova,16/11/2020

 

Il saluto del Club di Genova Pegli a Giuliano Rizzerio

Arrivederci Giuliano

La notizia della conclusione della giornata terrena di Giuliano Rizzerio, seppur paventata da tempo, coglie impreparati.

E’ il segno dell’inesorabile trascorrere del tempo che non lascia scampo ai Protagonisti pur salvando le loro opere.

Ho conosciuto Giuliano al mio ingresso nel Serra Club Pegli ( lui ne era stato uno dei Fondatori), nel 1971.

Da subito egli spiccava per la concreta visione delle cose, sia negli scopi che nei mezzi da usare per raggiungerli: era stato così naturale che, dopo le presidenze dei due promotori principali del Club, Di Bella e Spandonari, fosse lui a farsi carico di portare avanti la vita e la diffusione dell’idea serrana.

E lo fece con le caratteristiche migliori proprie del manager con visione umanistica e cristiana del mondo che ispira in ogni momento il rapporto con gli altri: fermo nelle convinzioni, ma attento alle inclinazioni e sensibilità altrui e rispettoso delle stesse.

La sua impronta è rimasta nel Club, ispirando il modo di presentarsi e di agire, ed ha dato frutti evidenti nelle personalità che il Club ha poi espresso anche a livello distrettuale, quali Licciardello e Robustelli.

Ma le sue qualità sono state riconosciute ed apprezzate anche nei più ampi contesti, portandolo ad incarichi sempre più impegnativi sino alla Presidenza Internazionale.

Una delle sue iniziative di successo, di cui era particolarmente “orgoglioso”, fu l’ammissione delle donne, e del resto solo chi non ha conosciuto la dolce Stefania ( tra l’altro già insegnante di catechismo di uno dei miei figli), stenta a comprenderne le motivazioni, nate dall’esperienza.

Giuliano non ha mai tralasciato di seguire il Club, sia quando era ai vertici mondiali, sia quando, ormai solo ed in età avanzata, impedito a muoversi troppo, ospitava volentieri e quasi grato le riunioni di Consiglio, largo di consigli che, provenendo da lui, erano davvero consigli e non diktat.

La malinconia che la Sua dipartita comporta, non può far venir meno la gratitudine verso Chi ce lo ha messo accanto, nella speranza che anche questa ricchezza non vada dispersa o trascurata, e nella certezza che il suo esser stato “ servo inutile” trovi ora giusto premio.

Paolo Aiachini

Serra Club Pegli 364

Serra Club Pegli. Convegno sul mondo degli adolescenti

Sabato 9 Febbraio il CUP e il SERRA CLUB di Pegli hanno organizzato nel Salone degli Argonauti – Museo Navale di Pegli, un Convegno sul tema “Gli adolescenti: proviamo a ri-conoscerli – Confronto su problematiche giovanili e rapporti tra generazioni”. Sono intervenuti il Dott. Alberto Robustelli – Presidente del Serra Club Pegli; il Dott. Enrico Costa – Presidente CEIS Genova; Il Dott. Giovanni Lizzio – Responsabile Terapeutico CEIS Genova; la Dr.ssa Dalila Rizzo – Educatrice de “La Finestra sul Porto” Comunità di minori con patologia psichiatrica CEIS Genova; la Dr.ssa Mara Lai – Referente Area Terapeutica CEIS Genova.

Ciascuno dei relatori ha presentato la esperienza e l’attività che la propria associazione svolge nell’aiutare i giovani negli anni problematici dell’adolescenza. Il comune denominatore delle esperienze presentate è stato l’importante ruolo che può svolgere una comunità nell’accompagnare i ragazzi in questa delicata fase della loro crescita, nell’accettare e superare le proprie fragilità e nell’imparare a diventare autonomi.

Per leggere tutto l’articolo clicca qui sotto.