Articoli

Veglia Vocazionale con la partecipazione del Club di Oppido-Mamertina

Il Club Serra International ha partecipato, con la Presidente Dott.ssa Antonietta Bonarrigo e alcuni soci, alla veglia vocazionale tenutasi giovedì 5 maggio 2022 presso la Cattedrale della Diocesi di Oppido Mamertina – Palmi.

L’interessante incontro – pensato insieme a don Giovanni Rigoli, Direttore del Centro Diocesano Vocazioni, e a don Giancarlo Musicò, Rettore del Seminario Diocesano – si è innanzitutto rivelato come un’occasione per sostenere con la preghiera, guidata dal summenzionato don Giancarlo, il lavoro della Chiesa diocesana che, nello svolgimento del Primo Sinodo, continua a portare nel proprio cuore le speranze dell’intero territorio. L’appuntamento è stato fecondo, anche perché ha incoraggiato la possibilità di riflettere nella pienezza dello stile comunionale – e attraverso un selezionato e appropriato repertorio di canti e di letture – intorno alle più complesse e più affascinanti sfide della pastorale vocazionale.

La grande prospettiva organizzativa è stata, infatti, la preparazione della cinquantanovesima giornata mondiale di preghiera delle vocazioni – eloquentemente intitolata “Fare la storia” – che Domenica 8 maggio il Club Serra ha condiviso sempre presso la Cattedrale, partecipando alla Santa Messa celebrata dallo stesso don Giancarlo. Il sacerdote, oltre a porre l’accento sulla ricchezza storica e spirituale del Seminario – quale luogo in cui i giovani, chiamati al sacerdozio, approfondiscono la propria scelta – ha messo in grande risalto la necessità di continuare a favorire percorsi pastorali capaci di lasciare emergere la novità delle domande giovanili – cogliendone, finanche, le eventuali provocazioni – in vista di un annuncio del Vangelo che raggiunga, veramente, il loro cuore.

In entrambi i contesti alcuni seminaristi hanno avuto l’opportunità di narrare la personale esperienza vocazionale, rendendo tutti partecipi della bellezza del dono e della forza del mistero.

Mimmo Petullà

 

Nasce il Serra Club di Oppido Mamertina – Palmi

 

Il 31 luglio 2021, nel giorno dedicato a Sant’Ignazio di Loyola, in un caldo pomeriggio di un’estate torrida come mai prima in Calabria, nella Sala Vescovile della Comunità di Oppido Mamertina sono convenuti in tantissimi da tutta la Diocesi, e da varie parti d’Italia, per la Cerimonia di incorporazione del Club di Oppido Mamertina – Palmi al Serra International.

La Presidente del Club, Antonietta Bonarrigo, ha ripercorso in apertura di cerimonia le fasi salienti del cammino che ha portato alla nascita del Club, fortemente voluta – ha sottolineato – dal Vescovo diocesano Mons. Francesco Milito, da sempre attento e sensibile ai mutamenti del costume e della società e che anche attraverso uno strumento associativo quale il Club Serra mira a rendere più pregnante e incisiva l’azione pastorale in un territorio preda di antichi mali e nuove criticità. La Presidente del Club ha presentato il Serra quale “una realtà associativa che riconosce l’alta funzione spirituale che la Chiesa Cattolica espleta nel mondo di oggi, in questa nostra società contemporanea investita sempre più da profondi e continui mutamenti etico-morali e socio-culturali, Chiesa che svolge in ogni ambito un ruolo determinante e cruciale per il miglioramento delle condizioni di vita delle persone, specie se in difficoltà, operando e agendo con competenza, ma soprattutto con amore e generosità”.

Dopo la presentazione del direttivo e dei soci, la Presidente Bonarrigo ha illustrato il programma ispirato al tema dell’anno sociale Vivere le beatitudini è rendere eterno quello che passa. È portare il cielo in terra. Infine, ha aggiunto che “il Club Serra di Oppido Mamertina-Palmi si avvia verso questa nuova esperienza con l’entusiasmo dei neofiti ma con lo sguardo fiducioso rivolto al futuro, nella consapevolezza delle difficoltà di chi avvia per la prima volta una proposta associativa nuova, ma con la certezza di avere accanto le persone giuste che sapranno consigliare, orientare, per svolgere attività congruenti con gli obiettivi del Serra International, per offrire il suo modesto contributo alla Chiesa Diocesana e al Seminario, mettendo a disposizione capacità personali e professionali, in modo volontario e gratuito”.

Subito dopo, la Presidente Nazionale Paola Poli ha sottolineato come, nonostante il difficile periodo pandemico, nella Piana di Gioia Tauro è germogliato qualcosa di straordinario con il nuovo Club. Ricordando la sua esperienza a L’Aquila, ha detto che “non bisogna adorare le ceneri ma custodire il fuoco. Ed è quello che cerchiamo di fare attraverso il Serra Club”. Proprio la nascita del Club è un segno per guardare con speranza al futuro.

A seguire, non senza emozione, Michele Montalto, Governatore Distretto 77 Sicilia Calabria – che ha donato al nuovo club il gonfalone, una borsa di studio per un seminarista e la statuetta di San Junipero Serra – ha detto: “È un onore e un privilegio iniziare il mio servizio con l’apertura di un nuovo Club che rappresenta per il distretto la nascita di un figlio, che io aiuterò in ogni momento della sua vita”.

Il Past Governatore, Mariuccia Lo Presti, ha portato il saluto e gli auguri di Emanuele Costa e Giuseppe Miccoli, Trustees di Serra International, che hanno accolto il nuovo club nella famiglia del Serra “presente in cinque continenti e in 35 nazioni; una famiglia non solo per tutti noi soci, ma anche per i nostri cari sacerdoti e religiosi ai quali la nostra attenzione e il nostro affetto sono rivolti”.

Oreste Arconte, Presidente del Club di Reggio Calabria, nel suo intervento si è soffermato sull’importanza dell’unione dei serrani con i pastori della Chiesa. Infine, Mons. Francesco Milito ha sottolineato l’importanza del momento fondativo, paragonabile – ha detto – alla nascita di un bambino, atteso con immensa gioia. “Ora impegniamoci – ha concluso il Vescovo – tutti insieme affinché il nostro club diventi un cenacolo di preghiera e un simposio di cultura”. Dopo la consegna della Charter, da parte di Cesare Gambardella per il Serra International insieme alla Presidente Nazionale Paola Poli, e dei distintivi ai soci, è seguito uno scambio di doni simbolici segno di amicizia.

L’avv. Ferdinando Iacopino Presidente del Lions Club Gioia Tauro ha donato il guidoncino del Lions, il dott. Maurizio Di Profio presidente fondatore del Kiwanis Club Palmi-Piana nonché delegato dal dott. Marcello Leonello per l’ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, si è complimentato per la nascita del nuovo Club.

L’evento si è concluso con la celebrazione Eucaristica presieduta da Mons. Milito nell’antica Cattedrale di Oppido Mamertina, e con una conviviale negli spazi all’aperto del Seminario.

L’incontro per la consegna della Charter è stato incorniciato – nei giorni precedenti e seguenti – da momenti di visita nel territorio di Oppido, Palmi e sull’Aspromonte, in cui si sono vissuti momenti di fraterna amicizia tra i membri del club provenienti da diversi Distretti.

Caterina Sorbara, Vicepresidente Comunicazioni Serra Club di Oppido Mamertina – Palmi