Il presidente eletto del Serra Club di Acqui Terme si fa sacerdote

Il presidente eletto del Serra Club di Acqui Terme si fa sacerdote

Il sacerdozio non ha età.

ORDINAZIONE PRESBITERIALE DEL SERRANO GIAMBATTISTA GIACCHERO.

ACQUI TERME. Domenica 8 novembre sarà un giorno importante per il club acquese .

Nel corso di una celebrazione  che avrà luogo nella Cattedrale, il vescovo Luigi  Testore  e cappellano del nostro Club,  con l’imposizione delle mani ordinerà presbitero,  al servizio di questa diocesi,  Giambattista Giacchero presidente eletto di questo club per il 2020, incarico che non ha  potuto assumere a causa  del congelamento di tutte le cariche per lo scoppio della pandemia da covid – 19.

Giacchero è  diventato Serrano qualche anno fa,  dopo il suo pensionamento dall’Arma dei Carabinieri dove era entrato giovanissimo e da cui si era congedato con grado di generale di corpo d’armata.

La Stampa- edizione di Asti – ha dedicato all’avvenimento un ampio articolo (clicca qui).

Oldrado Poggio

IL SACERDOZIO NON HA ETA’

di Cosimo Lasorsa 

Diventare sacerdote a 73 anni non è una notizia di tutti i giorni, ma soltanto la conferma che la vocazione non ha età.

E’ quanto abbiamo potuto costatare a seguito della notizia riportata sulla stampa della prossima ordinazione sacerdotale del Generale dei Carabinieri, Giambattista Giacchero, che avverrà domenica 8 novembre nella Cattedrale di Acqui Terme, con l’imposizione delle mani da parte del Vescovo Luigi Testore.

Compimento di un percorso spirituale, dopo il pensionamento e il ritorno a Monastero Bormida, piccolo Comune astigiano di origine, a seguito di perfezionamento degli studi teologici ed ordinazione a Diacono permanente dal Vescovo emerito Pier Giorgio Micchiardi. Uno stato diaconale assolto come ministro di ordine immediatamente inferiore al sacerdote, con funzioni di assistenza nell’esercizio del culto e delle opere di carità, quali membro del Consiglio pastorale diocesano, responsabile del servizio per la promozione del sostegno economico della Chiesa, revisore dei conti nell’Istituto Diocesano Sostentamento del Clero (IDSC), membro del Consiglio di Amministrazione del Seminario di Acqui, collaboratore pastorale del Santuario “Virgo Fidelis” di Incisa Scapaccino (AT), collaboratore parrocchiale della Parrocchia della Comunità pastorale “San Giuseppe Marello-Langa in cammino”.

Le sue precedenti insegne della stola e della dalmata, tunica variamente ornata e di colore diverso a seconda della festività indossata nella celebrazione della Liturgia, saranno sostituite con l’abito talare e con i paramenti liturgici sacerdotali per la celebrazione dell’Eucarestia.

Un compimento spirituale che si è concluso, come da lui steso dichiarato, dopo avere accolto favorevolmente l’invito che gli ha rivolto il Vescovo Luigi Testore la scorsa estate in occasione di un colloquio avvenuto durante un ritiro spirituale dei Diaconi diocesani.

Il suo Ministero sacerdotale sarà assolto a fianco di don Claudio Barletta, Parroco della Parrocchia “S. Giulia” di Monastero Bormida”.

Entrato a far parte del Serra Club di Acqui nel 2018, era stato designato a ricoprire l’incarico di Presidente, rinviato a seguito della pandemia.

A don Giambattista Giacchero i nostri voti serrani con la preghiera che il Signore illumini il suo cammino sacerdotale, come servo e strumento di amore nella mani di Cristo Gesù.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *