Articoli

Club di Acqui Terme. La serata degli auguri

Nell’ accogliente e raccolto Santuario della Madonnina,  tanto caro agli acquesi, lunedì 20 dicembre il Serra  Club ha organizzato, nell’approssimarsi del S. Natale, la serata che tradizionalmente viene dedicata allo scambio degli auguri  alla presenza di famigliari e di amici. Una serata che si è  svolta nel più assoluto rispetto dell’attuale normativa sanitaria per il persistere del Covid 19.

L’incontro si è aperto con la concelebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo e cappellano del Club Luigi Testore affiancato dal parroco don Winston Carrera,  dal vice cappellano del Serra club don Domenico Pi­sano, dal direttore della Caritas don Giovanni Falchero, da don Giambatti­sta Giacchero.  Concelebrazione impreziosita dai canti curati da Monica Cavino e dalla figlia Michela, mentre le letture e le intenzioni di preghiera, preparate da Angioletta Olivieri,  sono state lette  da Gian Carlo Callegaro e Elisabetta Ghiglia. Nell’omelia il Vescovo, prendendo  spunto dalla let­tura dal libro di Isaia e dal brano del Vangelo di Luca  è tornato sul senso più profondo dell’annuncio dell’imminente nascita di Gesù  e sul si­gnificato  della parola Emmanuele.

Nel suo breve saluto il presidente Oldrado Poggio ha voluto ringraziare i presenti, rammaricandosi per le poche occasioni di incontro che si sono potute organizzare, annunciando, però, le possibili future iniziative da at­tuare quando la situazione sanitaria lo consentirà. Ha infine parlato del concorso scolastico che è in pieno svolgimento, la scadenza per la conse­gna degli elaborati è confermata per il 31 gennaio prossimo,   comuni­cando che lo stesso ha ricevuto, grazie alla disponibilità di Marco Bruno, una sponsorizzazione da parte della Banca di Asti che consentirà così di incrementare i premi. Efisio Chiavegato ha poi distribuito ai soci il nuovo Bellringers che presenta tutta la struttura organizzativa del Serra Italia, con i vari club.

Infine Giuseppe Lanero ha consegnato i distintivi di appartenenza al vescovo  Luigi Testore, il quale li ha assegnati ai nuovi soci: Gioconda Forgetti di Cairo Montenotte, presentata da  Gian Carlo Callegaro;  Alfredo Roveta di Monastero Bor­mida, presentato da Marco Bruno. Massimo Pivotti di Acqui Terme  e Antonio Olivieri di Casaleggio Borio,  impossibilitati ad intervenire, sono stati presentati rispettivamente da  Giuseppe Baldizzone e  Giam­battista Giacchero che consegneranno  loro il distintivo appena possibile.

La serata si è conclusa  con il saluto e il ringraziamento del parroco don      Winston Carrera che ha invitato tutti a visitare la chiesa e i due Presepi,  veramente suggestivi , che un gruppo di giovani  volontari ha allestito con tanta passione nei locali attigui al Santuario. ( O P )

Incisa Scapaccino. Il Serra Club di Acqui ha aperto il nuovo anno sociale

 

INCISA SCAPACCINO. Venerdì 10 settembre i soci del Serra Club della Dio­cesi di Acqui si sono ritrovati per l’apertura del nuovo anno sociale 2021/2022.  L’incontro  nel pieno rispetto delle attuali disposizioni sanita­rie si è svolto nel santuario della Virgo Fidelis a Borgo Villa di Incisa Sca­paccino alla presenza anche di una significativa delegazione dell’Associazione Nazionale Carabinieri, custode del Santuario.

E’ toccato al presidente Oldrado Poggio aprire la serata  rivolgendosi  ai soci “ è emozionante rivedervi e potervi salutare personalmente dopo tanto tempo”. L’ultima riunione in presenza si era  infatti svolta nel feb­braio del 2020. Un particolare grazie ha rivolto a don Giambattista Giac­chero per aver accettato di presiedere la concelebrazione eucaristica: “ perché quando ci siamo ritrovati l’ultima volta Lui era il nostro presidente eletto ….. ma dopo è cambiato tutto. Con la sua decisione di accettare l’invito del nostro vescovo Luigi Testore noi abbiamo sicuramente perso un bravo presidente, ma certamente la Diocesi ha acquistato un ottimo presbitero.”

Don Giambattista  Giacchero, dopo aver illustrato  brevemente la storia del Santuario “passato nel volgere di pochi anni da chiesa abbandonata e sconsacrata a questo accogliente Santuario grazie all’impegno di tanti volontari, all’Associazione Nazionale Carabinieri  e al  sostanzioso soste­gno di alcune Fondazioni bancarie tra le quali quella della  Cassa di Ri­sparmio di Asti” ha presieduto la concelebrazione eucaristica affiancato dal vice cappellano del Serra don Domenico Pisano, dal direttore della Ca­ritas  don Giovanni Falchero e da don Nicolò Ferrari che ha tenuto l’omelia, mentre le letture e le intenzione di preghiera sono state lette da Angela Olivieri e Elisabetta Ghiglia.

Al termine, don Giambattista  Giacchero ha tenuto una  brillante e dotta relazione su “ Alla scuola di Marco per rafforzare la nostra fede di disce­poli di Gesù di Nazaret, Cristo e figlio di Dio”. Relazione accolta da un lungo applauso sicuramente indicativo del gradimento avuto dalla mede­sima.

 

Il presidente ha quindi fatto omaggio a nome del Serra club a  don Giac­chero di una casula con l’augurio che “  lo accompagni in questo suo nuovo ampio campo di missione unitamente al nostro augurio e al nostro affetto”. Don Giacchero nel ringraziare ha voluto ricordare come “la vo­lontà di Dio, se accolta,  supera sempre le nostre stesse aspettative”.

Anche a don  Nicolò   Ferrari, fresco di ordinazione e di studi, il presidente dopo averlo ringraziato per la sua presenza e per la bella omelia,  ha con­segnato un ricordo a nome del Serra. Nel ringraziare   don Nicolò ha ri­cordato come per anni abbia sentito il sostegno del Serra, ma anche le preghiere che lo hanno accompagnato nel suo percorso di studi e di pre­parazione all’ordinazione sacerdotale”. Puntuale è arrivata anche una comunicazione del vice cappellano don Domenico Pisano: “Domenica sera accompagnerò nel seminario interdiocesano di Novara un ragazzo di que­sta Diocesi che inizia il suo percorso di preparazione al sacerdozio con la frequentazione dell’anno propedeutico”.

In conclusione, il presidente ha rivolto alcuni ringraziamenti ai sacerdoti concelebranti, al past governatore del Serra del Piemonte Paolo Rizzolio, al governatore eletto Lucia Barbarino che ha fatto omaggio dei fiori per l’altare, all’Associazione Nazionale Carabinieri di Incisa, Asti e di Acqui, ai volontari custodi del Santuario e a tutti i serrani presenti e a quelli impos­sibilitati ad intervenire. (O P )

Il presidente eletto del Serra Club di Acqui Terme si fa sacerdote

Il presidente eletto del Serra Club di Acqui Terme si fa sacerdote

Il sacerdozio non ha età.

ORDINAZIONE PRESBITERIALE DEL SERRANO GIAMBATTISTA GIACCHERO.

ACQUI TERME. Domenica 8 novembre sarà un giorno importante per il club acquese .

Nel corso di una celebrazione  che avrà luogo nella Cattedrale, il vescovo Luigi  Testore  e cappellano del nostro Club,  con l’imposizione delle mani ordinerà presbitero,  al servizio di questa diocesi,  Giambattista Giacchero presidente eletto di questo club per il 2020, incarico che non ha  potuto assumere a causa  del congelamento di tutte le cariche per lo scoppio della pandemia da covid – 19.

Giacchero è  diventato Serrano qualche anno fa,  dopo il suo pensionamento dall’Arma dei Carabinieri dove era entrato giovanissimo e da cui si era congedato con grado di generale di corpo d’armata.

La Stampa- edizione di Asti – ha dedicato all’avvenimento un ampio articolo (clicca qui).

Oldrado Poggio

IL SACERDOZIO NON HA ETA’

di Cosimo Lasorsa 

Diventare sacerdote a 73 anni non è una notizia di tutti i giorni, ma soltanto la conferma che la vocazione non ha età.

E’ quanto abbiamo potuto costatare a seguito della notizia riportata sulla stampa della prossima ordinazione sacerdotale del Generale dei Carabinieri, Giambattista Giacchero, che avverrà domenica 8 novembre nella Cattedrale di Acqui Terme, con l’imposizione delle mani da parte del Vescovo Luigi Testore.

Compimento di un percorso spirituale, dopo il pensionamento e il ritorno a Monastero Bormida, piccolo Comune astigiano di origine, a seguito di perfezionamento degli studi teologici ed ordinazione a Diacono permanente dal Vescovo emerito Pier Giorgio Micchiardi. Uno stato diaconale assolto come ministro di ordine immediatamente inferiore al sacerdote, con funzioni di assistenza nell’esercizio del culto e delle opere di carità, quali membro del Consiglio pastorale diocesano, responsabile del servizio per la promozione del sostegno economico della Chiesa, revisore dei conti nell’Istituto Diocesano Sostentamento del Clero (IDSC), membro del Consiglio di Amministrazione del Seminario di Acqui, collaboratore pastorale del Santuario “Virgo Fidelis” di Incisa Scapaccino (AT), collaboratore parrocchiale della Parrocchia della Comunità pastorale “San Giuseppe Marello-Langa in cammino”.

Le sue precedenti insegne della stola e della dalmata, tunica variamente ornata e di colore diverso a seconda della festività indossata nella celebrazione della Liturgia, saranno sostituite con l’abito talare e con i paramenti liturgici sacerdotali per la celebrazione dell’Eucarestia.

Un compimento spirituale che si è concluso, come da lui steso dichiarato, dopo avere accolto favorevolmente l’invito che gli ha rivolto il Vescovo Luigi Testore la scorsa estate in occasione di un colloquio avvenuto durante un ritiro spirituale dei Diaconi diocesani.

Il suo Ministero sacerdotale sarà assolto a fianco di don Claudio Barletta, Parroco della Parrocchia “S. Giulia” di Monastero Bormida”.

Entrato a far parte del Serra Club di Acqui nel 2018, era stato designato a ricoprire l’incarico di Presidente, rinviato a seguito della pandemia.

A don Giambattista Giacchero i nostri voti serrani con la preghiera che il Signore illumini il suo cammino sacerdotale, come servo e strumento di amore nella mani di Cristo Gesù.

Serra Club di Acqui Terme. Il dovere di “tirar fuori” pensieri personali dai giovani

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il Club di Acqui Terme, in occasione della visita del governatore del Distretto 69, Dott. Paolo Rizzolio, ha approfondito il tema proposto per quest’anno sociale insieme alla Professoressa Laura Trinchero.

L’incontro si è svolto il 13 febbraio 2019 nella cornice della bellissima Chiesa parrocchiale di Mombaruzzo (AT), Diocesi di Acqui Terme.

Vi proponiamo qui di seguito la relazione completa.