A Taranto si ricomincia con gioia: tre donne alla guida del Club

Il Serra Club di Taranto, il 18 giugno, ha chiuso festosamente il suo percorso annuale nella chiesa-giardino della villa di Mino Gentile, diacono, socio della prima ora ed ospite generoso. E’ una consuetudine cara e consolidata ritrovarsi a fine giugno sotto una volta di palme a due passi dal mare. La bellezza della natura ricrea e risveglia l’intima gioia del ritrovarsi insieme dopo gli ultimi difficili anni di pandemia. Come ha ben sottolineato il presidente Cosimo Chiffi la vita del club è stata fortemente condizionata dalle restrizioni e dal timore dei contagi. Nel crepuscolo luminoso l’incontro dei serrani si è subito aperto con tante voci desiderose di esprimere la forte volontà di continuare il cammino intrapreso, il desiderio di proporre ad un pubblico più vasto attraverso interclub, argomenti capaci di smuovere la caligine di apatia ed indifferenza che la pandemia ha accentuato.

Ci vuole coraggio e determinazione per riprendere il cammino, ci vuole una persona propositiva e capace di creare relazioni, il plauso di tutti è andato a Maria Cristina Prampolini Scapati, al suo secondo mandato, il cui impegno costante a favore di tutte le iniziative del club non è mai mancato. Con lei una squadra collaudata: vice presidente Leonardo Liconso, segretaria Elisabetta Cananzi, tesoriera Maria Silvestrini.

Nella stessa serata l’ingresso di tre nuove socie: Marcella Maiorano, Santina Larosa ed Amalia Leone. Il club ricomincia con la gioia di ritrovarsi insieme e con l’auspicio di un  cammino sereno.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.