Articoli

Passaggio del Martelletto Club Serra L’Aquila

I soci del Club Serra di L’Aquila si sono riuniti mercoledì 15 giugno presso il ristorante “Lo Scalco dell’ Aquila” per l’assemblea ordinaria e per la cerimonia del “Passaggio del martelletto”. La Presidente Rita Leonardi ha introdotto l’assemblea e ha parlato delle esperienze, piccole e grandi, vissute insieme nei sei anni di presidenza e che hanno portato il club a crescere e a diventare un gruppo coeso e brillante, soffermandosi sull’ultimo anno .Proposto e votato il Direttivo che affiancherà il Presidente
per l’anno sociale 2022/2023.

Il Presidente eletto , Dottor Walter Capezzali, ha poi delineato a grandi linee quale sarà il programma per il nuovo anno sociale. Per il nostro club la nomina a presidente del Dottor. Capezzali è molto importante in quanto è una persona di alto livello culturale :è stato già presidente del club negli anni 93/94 e 94/95,ha ricoperto la carica di direttore della rivista “Il Serrano” per ben 16 anni, di direttore della Biblioteca Provinciale dell’Aquila e della Biblioteca della Università de Sacro Cuore di Roma e di presidente della Deputazione di storia patria degli Abruzzi.

Alla conviviale hanno partecipato S.E. Cardinale Giuseppe Petrocchi, la Presidente Nazionale Paola Poli ,il nostro Cappellano Don Carmelo Le Rose e diversi Presidenti dei Club
Service cittadini. Il momento più emozionante della serata è stata la cerimonia del “Passaggio del Martelletto” che sancisce il passaggio del timone alla guida del Club . La Presidente Paola Poli ha poi espresso parole di stima e di affetto nei confronti della Presidente e l’ha ringraziata per il grande impegno e determinazione che l’ha caratterizzata nel portare a termine quanto si era prefissato.

La Dottoressa Poli ha poi informato il Cardinale sulle attività e sulle iniziative che sta promuovendo il Consiglio Nazionale . Ha anche messo in evidenza l’importanza, per noi serrani e  per L’Aquila , della venuta di S.S.Papa Francesco per l’apertura della Porta Santa e dell’Angelus che sarà trasmesso in mondovisione

Paola Giamberardini

 

 

Incorporazione nuovi soci al Serra al Club di Livorno e Conviviale fine anno sociale 2021-2022

Giovedì 16 giugno presso la chiesa di S. Andrea, alla presenza dei soci serrani e del Governatore del Distretto 71 Elena Baroncelli, si è svolta, secondo le consuete modalità, la cerimonia di incorporazione dei due nuovi soci Emiliano Cipriani e Mario Gabriele. Prima dell’inizio della cerimonia, il Presidente ha voluto ricordare il nostro socio Giuseppe Mancini recentemente scomparso dopo una breve malattia. Uomo di alto profilo morale e di profonda fede religiosa, Beppino, come era chiamato da tutti , titolare del ristorante ”La Barcarola”, sede di numerose conviviali del nostro club, oltre ad essere un serrano da vecchissima data era una persona molto attiva anche nell’Arciconfraternita della Misericordia e nell’UNITALSI. Per la città di Livorno era un’istituzione. Dal suo ristorante sono passati Pontefici, Cardinali e Capi di Stato; basti ricordare l’allora cardinal Ratzinger e Carlo Azeglio Ciampi, livornese doc; inoltre più volte ha portato a Roma, a Papa Giovanni Paolo II, i suoi famosi piatti di mare. Lascia un grande vuoto nella nostra Associazione ed è una grande perdita per tutta la città.

La cerimonia di incorporazione si è quindi aperta con la riflessione del nostro cappellano Padre Gabriele e, dopo la presentazione dei nuovi soci da parte dei proponenti e delle parole di saluto e di augurio da parte del Presidente, si è proceduto alla loro dichiarazione di impegno verso la Chiesa secondo la formula di rito.
Dopo la cerimonia tutti i soci si sono trasferiti al ristorante “La Barcarola” dove, in presenza S.E.R. il Vescovo Monsignore Simone Giusti, di Autorità cittadine e di numerosi ospiti, si è svolta la conviviale di fine anno sociale, magistralmente curata da Paola, moglie di Beppino, e dal figlio
Carlo, che ha preso le redini del ristorante.

In apertura, il Presidente ha ripercorso il programma delle attività svolte nel corso dell’anno tracciandone un bilancio molto positivo nonostante un’attività più ridotta nei mesi di gennaio e febbraio per i noti problemi legati alla pandemia. In particolare si sono ricordate, oltre agli incontri di natura più spirituale, le numerose conferenze, aperte a tutta la cittadinanza, che si sono realizzate ed in particolare quelle relative al Volontariato, alla legge ZAN ,alla resistenza al nazifascismo da parte dei carabinieri, alla Giustizia riparativa oltre naturalmente alle riflessioni sul tema dell’anno delle “beatitudini”.

Un importante contributo a livello diocesano è stato poi dato dal Club sul tema del Cammino Sinodale avviato da Papa Francesco nell’ottobre scorso. Nel corso della conviviale si è poi proceduto alla presentazione a tutti i presenti dei due nuovi soci, cui, da parte del Governatore, sono stati poi appuntati i distintivi e consegnata la documentazione
ufficiale del SERRA CLUB INTERNATIONAL.

Dopo un intervento di S.E. il Vescovo –che ha avuto parole di elogio per il Serra Club ed ha poi ricordato l’impegno di Papa Francesco per raggiungere la pace in Ucraina e nel mondo, la serata si è conclusa col saluto del Governatore che ha voluto, tra l’altro, sottolineare il significativo evento dell’incorporazione dei due nuovi soci augurandosi che portino nuova spinta ed entusiasmo alla vita del club nostro e di Serra Italia.

Edoardo Gambardella

Speranza e Senso di Appartenenza: gli Auguri del Governatore al Distretto 73 Puglia-Basilicata

Amiche ed Amici Serrani,

Sarebbe stata una Pasqua diversa se questa guerra che ci sconforta non fosse
mai stata iniziata, eppure è così: la tecnologia e la scienza non sono state in grado di
migliorare il comportamento umano. Il progresso ha reso tutto più facile e moderno,
eppure gli uomini continuano a combattersi come facevano un tempo, quando si
usavano la pietra e la fionda:

Sei ancora quello della pietra e della fionda,
uomo del mio tempo. Eri nella carlinga,
con le ali maligne, le meridiane di morte,
t’ho visto – dentro il carro di fuoco, alle forche,
alle ruote di tortura. T’ho visto: eri tu,
con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio,
senza amore, senza Cristo”.

Papa Francesco ci ricorda che la pace che Gesù ci dà a Pasqua non è la pace che segue le
strategie del mondo o di chi crede di ottenerla attraverso la forza, con le conquiste e con
varie forme di imposizione. Ci chiede di tenere viva in noi la fiamma della Speranza per
compiere con paziente perseveranza scelte di dialogo e di riconciliazione.

Ed è quindi che, assieme a Papa Francesco, anche noi Serrani invochiamo il Signore perchè disarmi la
lingua e le mani, rinnovi i cuori e le menti.

Il Serrano si riconosce dalla Speranza che conserva imperterrito nel suo viaggio terreno
perché egli sa che Pasqua è Resurrezione, Pace, Amore, Speranza.

Se Cristo è risuscitato, è possibile guardare con fiducia ogni evento della nostra
esistenza, anche quelli più difficili e carichi di angoscia e di incertezza”.

A Te che sei Serrano del Distretto 73 Puglia Basilicata, che “appartieni” al Club di
Altamura, di Brindisi, di Cerignola, di Lucera, di Matera, di Potenza, di Taranto, non
mollare mai, abbi fiducia e non dimenticarti mai di riconoscerti sempre fratello di tutti i
Serrani del mondo.

Porgo a Voi e alle Vostre bellissime Famiglie, ai nostri Cappellani, Vescovi,
Sacerdoti, Religiosi e Seminaristi, un affettuoso Augurio di

Buona e Santa Pasqua

Il Governatore
Filly Franchino

Clicca per leggere la lettera del Governatore al Distretto 73 Puglia-Basilicata

Il Club di Cerignola saluta il suo Vescovo

 

Il 12 febbraio, in Cattedrale, il nostro amato Vescovo, Monsignor Luigi Renna , ha salutato tutta la cittadinanza  affidandola  alla Parola del Vangelo.

Si chiude così, dopo sei anni, il periodo del suo Ministero nella Diocesi di Cerignola Ascoli Satriano .

Tanti progetti sono stati realizzati ,una rete di relazioni hanno portato ad un coinvolgimento attivo  dei giovani e delle fasce più fragili , gli oratori hanno respirato nuovo ossigeno accogliendo amorevolmente molti adolescenti e a tanti extra-comunitari , con la costruzione della comunità di TRE TITOLI, è stata restituita una dignità che le sofferenze avevano deturpato…

Caro don Luigi non hai trascurato proprio niente : la formazione che hai voluto per gli adulti , nutrita dalle tue avvincenti lettere pastorali, dai convegni diocesani ,dagli  incontri biblici e da catechesi magistrali,   ha reso tutti sicuramente persone migliori che si impegneranno nel cammino sinodale che  hai indicato con amorevole fermezza.

IL 2 febbraio hai salutato affettuosamente anche noi serrani, nella Chiesa di San Trifone,  ringraziandoci per il nostro impegno per i seminaristi e le vocazioni…porteremo sempre nel cuore la tua vicinanza costante e fattiva,  come le premiazioni dei ragazzi  partecipanti ai Concorsi scolastici, l’accoglienza dei nuovi soci e l’apertura degli anni sociali … con la tua presenza hai reso queste manifestazioni più belle ed importanti e noi  le conserveremo fra i ricordi più preziosi.

Ora sei in partenza  per Catania ,  una città stupenda e  sicuramente accogliente, incontrerai altri serrani impegnati e nuove sfide ti attenderanno: le  affronterai come hai sempre fatto con la forza che il Signore ti ha dato e che ti ha sempre distinto.

Buon cammino fratello Vescovo,  ti accompagneremo sempre con l’affetto e la preghiera.

Milena Caldara