Articoli

Club di Cascina. I serrani incontrano la Comunità “Nuovi Orizzonti”

Il 12 Marzo e il 26 Marzo è proseguito il ciclo di conferenze promosse dal Serra Club di Cascina nell’intento di scandagliare aspetti meno consueti ma ipoteticamente attinenti col tema sociale di quest’anno: “I giovani: una sfida per la Chiesa. La Chiesa: una sfida per i giovani”.

Il 12 Marzo è intervenuto il padre dehoniano don Oliviero cappellano del carcere di don Bosco a Pisa. E’ luogo comune, infatti, pensare che la cosiddetta malavita sia una dimensione che riguarda soprattutto i giovani. L’incontro si è invece rivelato una finestra sulla vita carceraria i cui ospiti non sono principalmente giovani. Ciò nonostante è stata una proficua presa di coscienza su una realtà poco conosciuta e per lo più approcciata in maniera giustizialista e insensibile al precipuo scopo di recupero e rieducativo. Una realtà in cui la maggior parte degli ospiti portano gli occhiali da miopi perché costretti ad un orizzonte che non va oltre i 3 metri della cella o i 10 metri del cortile dell’ora d’aria. Un orizzonte che, metaforicamente parlando, rimane limitato anche all’uscita dal carcere dove la funzione di recupero e rieducazione si rivela disattesa nei fatti anche per le scarse possibilità di inserimento sociale a fine pena; tali per cui, non trovando di meglio, il carcerato ricade facilmente nella maglia della malavita sommandosi a chi lo ha sostituito durante la sua permanenza in carcere. Il carcere rischia di diventare, pertanto, un moltiplicatore di persone propense a commettere reati.

La serata del 26 Marzo, presenti il governatore del Distretto e il presidente del club di San Miniato con alcuni soci, si è invece incentrata su un incontro con tre operatori della comunità “Nuovi Orizzonti” di San Miniato. In questo caso i giovani erano effettivamente al centro della riflessione. Giovani affetti da dipendenze (droga, alcool, sesso, bulimia, anoressia ecc.) i cui comportamenti, nel “pensare” di Nuovi Orizzonti” sono espressione di una esigenza “patologica” del piacere, di un “essere” e di un agire imperniato sull’io e non si Dio. Nuovi Orizzonti, pertanto, non è, come invece viene superficialmente confusa, una comunità di recupero. E’ invece, una realtà che con azioni pratiche di vicinanza, di solidarietà e sostegno materiale e psicologico, vuole andare a fondo dei problemi. Far rilevare come la ricerca spasmodica del piacere fine a se stesso, altro non è se non la copertura di un malessere pregresso e quindi come prioritario sia indagarne e capirne le cause. Capire come questo sprofondare, che Chiara Amirante fondatrice di Nuovi Orizzonti definisce “inferi dell’anima”, nasce da una incapacità di amare. Nuovi Orizzonti è quindi un aiuto a ritrovare questa propensione all’amore, questa capacità di amare, di un amore reale, spontaneo non necessariamente ricambiato. E chi, se non Gesù, può essere maestro di questo amore? Ecco allora la funzione anche missionaria di Nuovi Orizzonti. Una funzione che interpella anche la Chiesa e che pone la Chiesa stessa come sfida per i giovani ai quali, come detto dal relatore di Nuovi Orizzonti, dobbiamo far sperimentare l’amore di Dio; quell’amore che non finirà.

Paolo Chiellini

Club di Cascina. Assegnato il premio “Icilio Felici” 2019

Sabato 23 Febbraio 2019 si è svolta presso la gipsoteca comunale di Cascina l’annuale cerimonia di conferimento del premio Felici promosso dal serra Club di Cascina con l’obbiettivo di mantenere viva la memoria di mons. Icilio Felici, eminente sacerdote e scrittore della diocesi di Pisa già pievano di San Casciano di Cascina, Rettore della chiesa dei Cavalieri di Santo Stefano in Pisa e primo direttore del settimanale diocesano VitaNova.

L’importante riconoscimento è andato quest’anno allo storico di arte sacra mons. Timothy Verdon attuale direttore dell’Ufficio Diocesano di Arte Sacra di Firenze, nonché direttore del Museo dell’Opera di Santa Maria del Fiore di Firenze e del Centro Ecumenico per l’arte e la spiritualità “Mount Tabor” di Barga.

Alla cerimonia di premiazione, introdotta dal presidente del Serra Club di Cascina, Dr. Alberto Beati, hanno partecipato, tra gli altri, l’onorevole Donatella Legnaioli, il Vice Sindaco del Comune di Cascina Dr. Dario Rollo, il Prof. Giovanni Braca ed il Dr. Filippo Rossi.

Per leggere l’intero articolo clicca sotto.